• Centro Focolare
  • Cittadella
  • Opera Sociale
  • Comunità locale
  • Centro Mariapoli

Storia del Movimento dei Focolari in Oceania

Nel 1967, Rita Muccio, una focolarina italiana, si trasferisce da New York a Melbourne per motivi di lavoro: e così inizia senza troppo rumore lo sviluppo del Movimento in Australia. Alcuni mesi dopo si apre il primo focolare.

L’ideale dell’unità penetra tra famiglie, sacerdoti, associazioni. Cominciano anche i primi viaggi per conoscere le persone che hanno avuto nel frattempo qualche contatto con il carisma dell’unità: già nel 1969 in Nuova Zelanda dove il focolare si aprirà poi nel 1981 con il sostegno del Cardinale Thomas Williams; a Perth, a Brisbane, Sydney e Canberra nel 1973; in Tasmania nel 1974; nel 1976 a Wallis e Futuna, piccole isole della Polinesia nel mezzo dell’Oceano Pacifico.

Perth, sulla costa ovest dell’Australia, è la seconda città dove nel 1979 si aprirà il focolare. Erano state le famiglie a rispondere per prime alla chiamata all’unità: anche se la Mariapoli più vicina si svolgeva a più di 4000 km di distanza, nelle vicinanze di Melbourne, non esitarono ad imbarcarsi in un viaggio di 3 giorni e 3 notti, attraversando in pulman il Grande deserto di Nullarbor.

Una religiosa missionaria marista, Suor Anna Scarpone, che aveva conosciuto il Focolare nella sua nativa Italia, ne aveva portato la spiritualità nella scuola dove insegnava, nell’isola di Futuna. In pochi anni, molte persone vivono l’amore scambievole e nel gennaio 1976 per la prima volta una piccola rappresentanza da Wallis e Futuna arriva in Mariapoli in Australia. L’ideale dell’unità sembra proprio aver raggiunto gli ultimi confini della terra! Nel 1992 si apre il focolare a Noumea, per poter seguire da più vicino le persone del Focolare che si trovano orami sparse nelle isole del Pacifico di lingua Francese. Il focolare rimarrà in quella città fino al dicembre 2008, ma la comunità rimasta a Noumea continua a vivere per l’unità fra tutti.

Nelle isole Fiji è un sacerdote irlandese a parlare del Focolare ad un gruppo di giovani della sua parrocchia: il carisma dell’unità si sparge anche a Fiji, e tanti sentono la vocazione a seguire Dio nel sacerdozio, nella vita religiosa o essendo testimoni dell’unità nelle proprie famiglie e nei propri lavori.

Il focolare in Nuova Zelanda comincia con due giovani che invitano le focolarine per la prima volta nella loro terra nell’ottobre 1969. Viaggeranno da Auckland nel nord a Christchurch nel sud, incontrando tante persone nonostante avessero solo cinque indirizzi.   Nel maggio 1981 si apre il focolare femminile a Wellington, e nel 2001 il focolare maschile.

29 Gennaio – 4 febbraio 1982: date chiave per il movimento in Oceania. Chiara Lubich visita a Melbourne i membri del Movimento provenienti da tutta l’Australia, dalla Nuova Zelanda e dalle isole del Pacifico. Sono considerati giorni di “fondazione” per il Movimento in Oceania. Chiara invita tutti all’unità vivendo l’amore scambievole. Vede nella struttura della società australiana, giovane e varia per provenienza, religione e cultura, un terreno fertile e accogliente del messaggio evangelico per la fraternità universale.


Altre comunità locali

Australia: Adelaide (SA), Griffith (NSW), Brisbane (QLD), Canberra (ACT), Ballarat (VIC), Launceston (TAS), Rockhampton (QLD), Bunbury (WA)
Nuova Zelanda: Auckland, Hastings, Fielding, Rotorua, Christchurch.
Isole del Pacifico:
Isole Fiji; Nuova Caledonia;  isole di Wallis e Futuna, Papua Nuova Guinea; isola di Kiribati,Vanuatu.

 

Melbourne: insieme agli alcolisti

1
Melbourne: insieme agli alcolisti

Kevin viene a conoscere il mondo degli alcolisti e, dopo un periodo di volontariato, decide di dedicarsi a tempo pieno al loro recupero. Il suo racconto ad un recente convegno dei Focolari in Australia sulla Sanità

[leggi tutto]

In Australia, con i rifugiati

In Australia, con i rifugiati

Le comunità dei Focolari a Perth sono impegnati con la chiesa Melkita e la comunità cinese ad aiutare alcune famiglie arrivate dalla Siria e dall‘Iraq. In collegamento con Clarissa Urban.

[leggi tutto]
12345...»