Amore al fratello
PDF Stampa
 
Espandi +

L’avventura delle ragazze di Trento riunite attorno a Chiara non poteva lasciare indifferente la popolazione della città, allora di poche decine di migliaia di abitanti, né tanto meno la Chiesa tridentina. Il comportamento delle ragazze della “casetta” di Piazza Cappuccini, sede del primo “focolare”, sbalordiva grandi e piccoli. In quel modesto appartamento i poveri erano di casa. Addirittura il problema sociale della città, dissanguata dalla guerra, era un problema che le ragazze sentivano loro. Credevano addirittura di riuscirlo a risolvere, semplicemente credendo alla verità delle parole del Vangelo. Amando il fratello, uno dopo l’altro.

Scriveva Chiara: «Fra tutte le Parole, ci furono subito sottolineate dal nostro carisma quelle riguardanti specificamente l’amore evangelico verso ogni prossimo, e non solo verso i poveri, quando abbiamo letto nel Vangelo che Gesù aveva detto: “Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli (e s’intende tutti), l’avete fatto a me” (Mt 25,40). Allora il nostro vecchio modo di concepire il prossimo e di amarlo è crollato. Se Cristo era in qualche modo in tutti, non si potevano fare discriminazioni, non si potevano avere preferenze. Sono saltati all’aria i concetti umani che classificano gli uomini: connazionale o straniero, vecchio o giovane, bello o brutto, antipatico o simpatico, ricco o povero, Cristo era dietro ciascuno, Cristo era in ciascuno. E un “altro Cristo” era realmente ogni fratello – se la grazia arricchiva la sua anima –, o un “altro Cristo”, un Cristo in fieri – se ancora lontano da lui.

Espandi +
 
Fatti di vita
 
 
 
 
Articoli
Sportmeet: Live your challenge, vivi la tua sfida
31 marzo 2014
 
20140325_CongressoSportmeet
Lo sport metafora della vita, anche e soprattutto nell’aspetto della competizione: questo il tema del Congresso internazionale in programma a Pisa dal 3 al 6 aprile.
Congo: Vangelo vissuto fra conflitti armati
28 marzo 2014 |
2
 
2014CongoVangeloVissuto
Durante una Mariapoli nella Repubblica Democratica del Congo, tante testimonianze di vita evangelica in mezzo ai conflitti. Il racconto dell’accoglienza di bambini rimasti orfani.
Renata Borlone: testimoniare la gioia
10 marzo 2014 |
4
 
Renata 5
A distanza di 24 anni, la testimonianza di luce e di gioia della sua vita continua a manifestarsi di grande attualità. Il 27 febbraio un suo ricordo al Santuario Maria Theotókos.
 
12345...»