Volontà di Dio
PDF Stampa
 
Espandi +

Quale doveva essere l’atteggiamento da avere per dimostrare a Dio che era proprio lui il centro di ogni loro interesse? Chiara e le sue prime compagne si domandavano in effetti come mettere in pratica il loro nuovo ideale di vita, Dio Amore. Apparve ben presto quasi ovvio: dovevano a loro volta amare Dio. Non avrebbero avuto alcun senso le loro vite se non fossero state «una piccola fiamma di questo infinito braciere: amore che risponde all’Amore». E parve loro un grande e sublime dono quello di avere la possibilità di amare Dio, al punto che ripetevano spesso: «Non è tanto che si debba dire: “Dobbiamo amare Dio”, ma: “Oh! Poterti amare, Signore! Poterti amare con questo piccolo cuore”». Si ricordarono allora che nel Vangelo una frase non lasciava e non lascia scampo a chi voglia condurre una coerente vita cristiana: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio, che è nei cieli» (Mt 7,21). Fare la volontà di Dio, dunque, era la grande possibilità che tutte loro avevano di amare Dio. E così Dio e la sua volontà coincidevano.

Espandi +
 
Fatti di vita
 
 
 
 
Articoli
Mario De Rosa
28 luglio 2014
 
2014_07_mario_de_rosa
“Se uno mi ama, osserverà la mia parola, e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui”(Giov 14,23) (8 marzo 1956 – 28 giugno 2014)
Due Papi santi: Giovanni XXIII
26 aprile 2014
 
201404PapaGiovanniXXIII
In occasione della canonizzazione di Karol Wojtila e Angelo Roncalli proponiamo un brano di diario di Chiara Lubich del 1980, in cui, ispirandosi a uno scritto di Giovanni XXIII trovava nuova comprensione del vivere la “volontà di Dio”.
Siria, il racconto di una stilista di Damasco
29 settembre 2013 |
2
 
Video_Damascus_thumb
L’esperienza di Rahmé conferma che in nome della fratellanza si può abbattere qualsiasi tipo di barriera, anche a costo di gravi rischi.
 
1234