Volontà di Dio
PDF Stampa
 
Espandi +

Quale doveva essere l’atteggiamento da avere per dimostrare a Dio che era proprio lui il centro di ogni loro interesse? Chiara e le sue prime compagne si domandavano in effetti come mettere in pratica il loro nuovo ideale di vita, Dio Amore. Apparve ben presto quasi ovvio: dovevano a loro volta amare Dio. Non avrebbero avuto alcun senso le loro vite se non fossero state «una piccola fiamma di questo infinito braciere: amore che risponde all’Amore». E parve loro un grande e sublime dono quello di avere la possibilità di amare Dio, al punto che ripetevano spesso: «Non è tanto che si debba dire: “Dobbiamo amare Dio”, ma: “Oh! Poterti amare, Signore! Poterti amare con questo piccolo cuore”». Si ricordarono allora che nel Vangelo una frase non lasciava e non lascia scampo a chi voglia condurre una coerente vita cristiana: «Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio, che è nei cieli» (Mt 7,21). Fare la volontà di Dio, dunque, era la grande possibilità che tutte loro avevano di amare Dio. E così Dio e la sua volontà coincidevano.

Espandi +
 
Fatti di vita
 
 
 
 
Articoli
Due Papi santi: Giovanni XXIII
26 aprile 2014
 
201404PapaGiovanniXXIII
In occasione della canonizzazione di Karol Wojtila e Angelo Roncalli proponiamo un brano di diario di Chiara Lubich del 1980, in cui, ispirandosi a uno scritto di Giovanni XXIII trovava nuova comprensione del vivere la “volontà di Dio”.
Siria, il racconto di una stilista di Damasco
29 settembre 2013 |
2
 
Video_Damascus_thumb
L’esperienza di Rahmé conferma che in nome della fratellanza si può abbattere qualsiasi tipo di barriera, anche a costo di gravi rischi.
Spiritualità dell’unità: la volontà di Dio
25 settembre 2011
 
20110923-c
Più ci avviciniamo a Dio, più ci avviciniamo tra di noi. Nella spiritualità scaturita dal carisma dell’unità, vivendo la volontà di Dio si diventa sempre più uno non solo con Dio ma anche tra di noi. Si vive una stupenda avventura che ci fa sperimentare già da questa terra il “che tutti siano uno” di Gesù.
 
123