Portogallo 

Centro Focolare

Cittadella

Opera Sociale

Comunità locale

Centro Mariapoli

 
Espandi +

Si può ritenere il 21 febbraio 1966 come data degli inizi del Movimento dei focolari in Portogallo, giorno in cui sono arrivate a Lisbona due giovani brasiliane per ‘aprire’ il focolare, desiderato in questa città dalla stessa Chiara Lubich, per poter accogliere i primi focolarini in partenza o in arrivo dall’Europa, dato che all’epoca tutti i voli dal Sud America facevano scalo lì. Nel 1967 arriveranno anche i focolarini, dando vita a un secondo focolare.

Molte sono state le persone che hanno conosciuto la spiritualità dell’unità in Portogallo in quegli anni: adulti, laici, religiose e sacerdoti, ma sono stati soprattutto i giovani che, attratti da una vita evangelica semplice ma totalitaria, si sono lanciati con entusiasmo a comunicare la nuova scoperta che aveva colmato le loro vite: “Dio è amore, Dio ci ama immensamente”. Spinti dalla presenza di Gesù fra loro, senza distinzione di età, di appartenenza sociale, lavoravano in quartieri poveri, organizzavano giornate e spettacoli musicali per trasmettere l’ideale dell’unità, scoprendo di poter contribuire alla costruzione di un mondo più unito. Nasceva così ad una comunità simile a quella dei primi cristiani dove tutto era condiviso: beni spirituali e materiali, sofferenze e gioie.

Espandi +