• Centro Focolare
  • Cittadella
  • Opera Sociale
  • Comunità locale
  • Centro Mariapoli

Si può ritenere il 21 febbraio 1966 come data degli inizi del Movimento dei focolari in Portogallo, giorno in cui sono arrivate a Lisbona due giovani brasiliane per ‘aprire’ il focolare, desiderato in questa città dalla stessa Chiara Lubich, per poter accogliere i primi focolarini in partenza o in arrivo dall’Europa, dato che all’epoca tutti i voli dal Sud America facevano scalo lì. Nel 1967 arriveranno anche i focolarini, dando vita a un secondo focolare.

Molte sono state le persone che hanno conosciuto la spiritualità dell’unità in Portogallo in quegli anni: adulti, laici, religiose e sacerdoti, ma sono stati soprattutto i giovani che, attratti da una vita evangelica semplice ma totalitaria, si sono lanciati con entusiasmo a comunicare la nuova scoperta che aveva colmato le loro vite: “Dio è amore, Dio ci ama immensamente”. Spinti dalla presenza di Gesù fra loro, senza distinzione di età, di appartenenza sociale, lavoravano in quartieri poveri, organizzavano giornate e spettacoli musicali per trasmettere l’ideale dell’unità, scoprendo di poter contribuire alla costruzione di un mondo più unito. Nasceva così ad una comunità simile a quella dei primi cristiani dove tutto era condiviso: beni spirituali e materiali, sofferenze e gioie.

Il 25 aprile del ‘74 con la caduta la dittatura di Salazar è finita la guerra coloniale che durava da 13 anni. Il Movimento ha conosciuto allora una grande espansione: le Mariapoli – appuntamenti caratteristici dei Focolari – vedono affluire migliaia di persone. Così anche le giornate dei giovani, sia a Lisbona che a Porto. Si moltiplicano le vocazioni al focolare e ad altre scelte di impegno nel Movimento, che comincia così a consolidarsi.

Oggi il Movimento conta oltre 2000 membri e migliaia di simpatizzanti che aderiscono alla sua spiritualità in tutto il Paese (incluse le isole), con 10 focolari a Lisbona, Porto, Coimbra e Faro, e la cittadella Arco Iris a 50 km da Lisbona, cuore pulsante del Movimento in Portogallo.

Alcuni dei pionieri dei Focolari in Portogallo non ci sono più, ma la loro testimonianza ha lasciato il profumo dell’amore evangelico autentico.
Altri hanno messo la loro vita a disposizione di Dio per costruire l’unità e la fratellanza universale nel mondo. Ci sono oggi focolarini portoghesi in Giappone, Vietnam, Pakistan, Libano, Siria, Brasile, Cile, Paraguay, USA, Canada, Francia, Austria, Italia, Svizzera, Belgio…

Editoria: come strumento di diffusione e formazione alla spiritualità, nel 1973 nasce la casa editrice Cidade Nova. Con i testi di Chiara Lubich e di altri autori sono circa 83 i titoli pubblicati finora. Nel 1976 nasce la rivista Cidade Nova che dal 2006 è diventato una pubblicazione mensile.

Ambito ecclesiale: il Movimento dei focolari in Portogallo si caratterizza per la partecipazione, a livello locale e nazionale, in diverse attività e organizzazioni ecclesiali. Fa parte del Consiglio nazionale delle Associazioni dei Laici, è presente nelle commissioni diocesane della pastorale della famiglia, dei giovani e dell’ecumenismo.

Ambito sociale: l’ONG Acções para um Mundo Unido (AMU Portogallo), sostiene varie attività in diversi quartieri svantaggiati e con difficoltà di integrazione. Inoltre, promuove micro progetti di auto sviluppo nei PALOP (paesi africani di lingua portoghese), e offre borse di studio a giovani di questi paesi.

Famiglia: il Movimento Famiglie Nuove dei Focolari, porta avanti – come in tante parti del mondo – il progetto ‘Sostegno a distanza’. In Portogallo sono attivi 73 sostegni a bambini africani, asiatici e latinoamericani.

Economia di Comunione – Suscitata da Chiara Lubich nel maggio del 1991, in Brasile, come una risposta ai gravi problemi di squilibrio sociale ed economico, l’Economia di Comunione (EdC) si è estesa anche in Portogallo con 12 aziende che liberamente decidono di investire i loro utili su tre fronti: aiuto ai più bisognosi, formazione ad una ‘cultura del dare’, e sviluppo della ditta stessa. Nel Polo imprenditoriale “Giosi Guella”, inaugurato nel 2010 e situato nella cittadella Arco-iris, sono rappresentate alcune di esse. L’Associazione per una Economia di Comunione e la AMU/Portogallo hanno promosso anche una riflessione teorica sull’EdC, tramite convegni e forum, radunando regolarmente specialisti nell’area economica e sociale.

La cittadella Arco-iris, situata in Abrigada nel Comune di Alenquer, è sorta nel 1997 ed è apprezzata dalla Chiesa e dalle autorità civili locali che la considerano di interesse pubblico. Il Cardinale Patriarca di Lisbona, presente all’inaugurazione, ha manifestato allora l’augurio che essa sia ‘un punto fisso di unità, nella comunione, per dimostrare che l’unità fra tutti e possibile’.
Sono circa 50 i suoi abitanti: adulti, famiglie, giovani, bambini, e un sacerdote che per desiderio del cardinale è anche il parroco di Abrigada. È un cantiere aperto, dove si cerca di attuare la spiritualità dell’unità o di comunione, attraverso le esperienze concrete di Vangelo vissuto. Punto di irradiazione che va oltre i membri dei Focolari, soprattutto verso i giovani, che ogni 1° maggio si radunano in centinaia per una giornata di condivisone e di festa. Spazio privilegiato di dialogo con il mondo civile e con persone di altre convinzioni e culture.

La scommessa di Benevento

La scommessa di Benevento

200 giovani impegnati nel Movimento parrocchiale e diocesano dei Focolari si ritrovano per mettere a fuoco la loro scelta a servizio della Chiesa locale ispirata al carisma dell’unità.

[leggi tutto]
12345...»