Religiosi«Gesù è il Verbo di Dio incarnato. La Chiesa è il Vangelo incarnato: per questo è Sposa di Cristo… Ogni famiglia, o ordine, è l’incarnazione, per così dire, d’una espressione di Gesù, d’un suo atteggiamento, d’un fatto della sua vita, d’un suo dolore, di una sua parola… la Chiesa è un maestoso Cristo spiegato attraverso i secoli… L’Amore ha assunto nella Chiesa diverse forme e sono gli ordini e le famiglie religiose… Noi dobbiamo soltanto far circolare fra i diversi ordini l’Amore. Si devono comprendere, capire, amare come Si amano [tra di loro] le Persone della Trinità» (Chiara Lubich).

Rendere visibile una Chiesa e un’umanità ravvivate dalla fraternità e dalla comunione fra tutti i carismi, favorire l’unità nella propria Famiglia religiosa o Comunità, riscoprire il proprio fondatore, vivere con rinnovato impegno le proprie Regole e le Costituzioni, attualizzare il proprio carisma per l’oggi della Chiesa e dell’umanità: sono alcuni degli effetti spirituali e obiettivi dei membri di vari Istituti di vita consacrata, Società di vita apostolica e Nuove Comunità che aderiscono al Movimento dei focolari.

I primi a mostrare interesse per la nuova spiritualità nascente furono i cappuccini di Trento, sotto i cui occhi, a due passi dalla loro chiesa e dal loro convento, in piazza Cappuccini 2, prendeva forma quella prima convivenza di vergini che avrebbe assunto ben presto il nome di focolare.

Nel 1947, grazie ad un viaggio di Chiara Lubich ad Assisi e a Roma, altri religiosi entrarono in contatto con l’ideale dell’unità e iniziarono a incontrarsi tra di loro per condividere le esperienze evangeliche che esso suscitava.

Il 1967 segnò una tappa importante. Nell’estate di quell’anno, 25 religiosi provenienti da tutta l’Europa trascorsero 15 giorni insieme vicino a Trento per approfondire la conoscenza del carisma dell’unità. A quel momento viene fatto risalire l’inizio della diramazione dei religiosi all’interno del Movimento dei focolari con caratteristiche che Chiara stessa spiegava: «La loro unità non dovrebbe essere niente di organizzato… I religiosi sono uniti dalla spiritualità».

Religiose a LoppianoE lo stesso avvenne per le religiose. Tappa storica per loro fu l’udienza del 14 aprile 1971 con Paolo VI alla quale erano presenti 400 suore di 20 nazioni e di 80 congregazioni. In quell’occasione il Papa indicò un percorso: «Approfondire la conoscenza e l’unità con i vostri rispettivi fondatori, nel clima di fraterna carità, propria del Movimento dei focolari».

Intorno ai religiosi e alle religiose sono nati i e le gen-re (generazione nuova dei religiosi), che vedono riuniti religiosi e consacrati in prima formazione, giovani cioè che preparandosi alla vita consacrata dei diversi ordini intendono vivere la spiritualità dell’unità.

Negli Statuti generali  dell’Opera di Maria approvati nel 1990 da Giovanni Paolo II, attraverso il Pontificio consiglio per i laici, veniva riconosciuto che i membri di Istituti di vita consacrata e Società di vita apostolica possono essere membri a pieno titolo del Movimento. Il legame è «essenzialmente un impegno di natura spirituale», si legge all’art. 5 del loro regolamento e non può prescindere dal consenso dei propri superiori.

Religiosi, Claritas - LoppianoPer offrire ai membri di vari Istituti di vita consacrata, Società di vita apostolica e Nuove Comunità l’approfondimento e la pratica della spiritualità dell’unità, sono sorti alcuni Centri internazionali di spiritualità nelle cittadelle di testimonianza del Movimento dei focolari, in cui i religiosi e consacrati presenti testimoniano il loro carisma nella reciprocità dei rapporti.

Il 25 ottobre 2004 la Pontificia Università Lateranense, Istituto “Claretianum”, ha conferito a Chiara Lubich la Laurea h.c. in Teologia della Vita Consacrata.

La rivista “Unità e Carismi”, in otto edizioni linguistiche, contribuisce alla diffusione del suo pensiero e alla comunione tra i carismi.

__________________________________________

Segreteria Internazionale dei Religiosi e Consacrati
Via della Selvotta, 25
00041 Albano L. (Roma) IT

tel. +39-06-9323875
fax +39-06-9321769
email: info.religiosi@focolare.org

Segreteria internazionale delle Religiose e Consacrate

Via Piave, 15   C.P. 22
00046 Grottaferrata (Roma) IT

tel. +39-06-9411822
fax +39-06-9411822
email: villa.achillia@focolare.org

Centro di spiritualità “Claritas”
Via San Vito, 53 – Loc. Loppiano
50064 Incisa Valdarno (Firenze) IT

tel. +39-055-8336058
fax +39-055-8333833
email: info.claritas@focolare.org

Centro di spiritualità “Casa Emmaus”
Via San Vito, 13 – Loc. Loppiano
50064 Incisa Valdarno (Firenze) IT

tel. +39-055-8335934
fax +39-055-8335270
email: casa.emmaus@tiscali.it

Fatti di vita

test_marius=
Fame di ascolto

Fame di ascolto

Testimoni di speranza in carcere e tra le pieghe del popolo della notte. Storie da “Una buona notizia. Gente che crede gente che muove”.

[leggi tutto]
test_marius=
Bissau: perdonare i nemici, si può?

Bissau: perdonare i nemici, si può?

Padre Celso Corbioli, in missione in vari Paesi africani da oltre 30 anni, ci racconta alcuni episodi in cui i protagonisti passano dal desiderio di vendetta al perdono, anzi all’amicizia. Il trucco? L’impegno a vivere la “Parola di Vita” mese dopo mese.

[leggi tutto]

Articoli

12345...»