Aumenta carattere Diminuisci carattere PDF email Stampa
3 gennaio 2013
Mary, originaria delle Filippine, al Genfest a Budapest - agosto 2012 -, ha condiviso con i 12.000 giovani presenti come ha vissuto il dramma della separazione dei genitori.

«Sono la figlia preferita di mio padre – racconta Mary –, essendo la primogenita. Quando avevo 8 anni ho visto i miei genitori litigare. Un giorno mio padre ha costretto me e i miei fratelli ad entrare nella sua auto e a lasciare la mamma. Ma lei ci ha fermati. Ho assistito impotente alle cose terribili che lui ha fatto a mia madre, dopo di che se n’è andato. Da quel giorno, l’ultimo in cui ho visto i miei genitori insieme, l’ho rifiutato.

Ho cercato di convincermi che mio padre non esisteva più. È stata una decisione drammatica che mi ha accompagnata negli anni dell’adolescenza.

L’esperienza di crescere senza un padre ha influenzato il mio modo di trattare le persone, soprattutto gli uomini.
Per diversi anni ho studiato in una scuola esclusiva per ragazze e, quando sono entrata nell’università, non è stato facile fare amicizia con i ragazzi.

Conoscendo il Movimento dei Focolari, sono stata invitata ad andare alla cittadella di Loppiano, dove ho incontrato persone che cercano di vivere l’amore reciproco e hanno rispetto e fiducia gli uni negli altri.
Era il mese in cui tutti volevano mettere in pratica la frase del Vangelo “Perdona settanta volte sette” (Mt 18,22 ). Leggendo il commento di Chiara Lubich, mi sono resa conto che il mio cuore era pieno di ostilità nei confronti di mio padre. Ma è stato quando ho deciso anch’io di viverla, che ho sentito che quella “amarezza” che provavo, a poco a poco si trasformava in perdono e ho provato il desiderio di rivederlo.

Rientrando a Manila, anche se la ferita era ancora aperta, ho trovato la forza di telefonargli e di incontrarlo. Abbiamo parlato per diverse ore noi due soli, in un ristorante. Ero felice e in pace perché, anche se la mamma non era d’accordo, mi aveva lasciata libera.

Continuo a comunicare con mio padre, anche se non spesso. Ma ogni volta che ho la possibilità di vederlo, faccio in modo che lui possa solo sentire il mio amore di misericordia.

Pur sapendo che lui e mamma non potranno tornare insieme perché ha già un’altra famiglia, sento che, nel mio perdono, rimaniamo tutti uniti. E questo mi riempie di pace».

Sito ufficiale del Genfest: www.genfest.org

(500)Regole

emilse

12 gennaio 2013 at 17:50

tu testimonio me recordo mi infancia lo que vivi con mis padres gracias por edificarme

Fr. Khalid Yousaf

8 gennaio 2013 at 07:02

Dear Mary,

this is a special grace of God in living the Gospel to forgive and reconcile with people even if they have hart you badly. may God bless you that you continuing sharing this joy with others and thank you for sharing this experience which can help many more who are in the same situation.
God bless you,

Fr. Khalid Yousaf
Pakistan