Imbattersi in un carisma

 
Alcuni tratti della vita di Chiara d’Assisi, nella sua festa, riproposti dalla fondatrice dei Focolari che ne aveva assunto il nome, attratta dalla sua luminosa vita rispecchiata in Maria.
1

Assisi-1Il primo avvenimento della vita della Madonna riportato dal Vangelo è l’Annunciazione (Luca 1, 25ss.). Maria è stata da sempre eletta da Dio, però all’Annunciazione è avvenuto qualcosa di molto particolare per lei: l’angelo le si presenta con un messaggio di Dio, che Maria accetta. Per questo suo ‘sì’ fiorisce subito in lei una realtà nuova: l’incarnazione del Verbo nel suo grembo.

Se noi cerchiamo di capire la vita di alcuni santi, vediamo che qualcosa di analogo a quanto è successo in Maria avviene anche in loro spiritualmente allorché s’imbattono, ad esempio, in un carisma che Dio ha donato per il bene della Chiesa.

Conosciamo la storia di santa Chiara d’Assisi, la più perfetta discepola di san Francesco.

Quando si va nella chiesa di San Damiano, ad Assisi, dove ella visse, può succedere che la guida, illustrando quel luogo sacro, dica: “Qui Cristo si incarnò nel cuore di Chiara”. E questo non sono semplici parole. Rivelano una profonda verità.

Benché Chiara d’Assisi – da quanto sappiamo – vivesse anche prima una fervente vita cristiana, l’incontro con san Francesco, che era la personificazione di una parola di Dio ridetta al mondo, la parola povertà, provocò in lei qualcosa di nuovo: fece sviluppare e crescere Cristo nella sua anima, fino a farne una delle più grandi sante della Chiesa cattolica.

E non è forse pensiero di papi, di santi e di Padri della Chiesa che la Parola genera Cristo nelle anime?

Così quando qualcuno ad un certo punto della sua vita si imbatte, attraverso una persona, uno scritto o un convegno, con il carisma dell’unità e sente la chiamata a farlo suo, se dice il suo ‘sì’ avviene anche in lui qualcosa di simile a quanto è successo in Maria e in questi santi. Cristo nel suo cuore può veramente svilupparsi e crescere spiritualmente, come per una attualizzazione del battesimo.

Ho letto che santa Chiara d’Assisi prima di morire pronunciò una frase meravigliosa:Ti ringrazio, Signore, d’avermi creata”. Vuol dire: perché avendomi creata, veramente tu hai procurato la tua gloria. Ed è stata, la sua, una morte d’amore.

Voglia il Cielo che anche per noi sia così.

Se saremo fedeli, anche la nostra morte non sarà semplicemente una morte fisica, ma una morte d’amore. Allora saliremo anche noi a trovare la Mamma nostra, la santa nostra, il modello nostro, Colei che qui sulla terra ci è stata Capo, Regina, Madre.

Vedremo la gloria di Maria Regina del cielo e della terra. E la vedremo circondata soprattutto da tutti quelli che l’hanno amata».

Da Chiara Lubich,  “Maria – Trasparenza di Dio”, 2003 Città Nuova – pagg. 49-50-63.

Regolamento(500)

 

Commenti

  1. sr. carla casadei

    Grazie di questo bel pensiero di Chiara su S. Chiara. fa bene all’anima, come sempre.
    Avrei solo un appunto sulla foto: perchè una immagine della Basilica superiore di S. Francesco, e non invece una di San Damiano ( che è nominata) o della Basilica di S. Chiara? grazie, sempre in comunione… sr. Carla

    Rispondi

Leggi anche