Maria, donna di casa

 
A conclusione dell’anno dedicato nel Movimento dei Focolari ad approfondire la figura della Vergine di Nazareth, brevi riflessioni su Maria e la cura della casa, come luogo in cui custodire e far crescere la presenza di Gesù.
1

«La donna di Nazareth, una donna di casa, è un’enorme sfida per noi: ci spinge a congedarci da una spiritualità basata sul fascino dello straordinario per trovare una mistica del quotidiano. Da immaginazioni teoriche ad una realtà palpabile nella semplicità del quotidiano … Dio vi cammina in esso».
(Ermes Ronchi: Le domande nude del Vangelo, p. 176)

«… Noi abbiamo bisogno proprio della casa. La casa è importantissima. […] Essa va tenuta come Maria Santissima teneva la sua casa, che ospitava nientemeno che Gesù. Quindi, bisognava fare qualche cosa in armonia con Lui che era il Verbo di Dio, è la bellezza di Dio, è l’irradiazione, è la gloria, gloria vuol dire l’irradiazione di Dio. Non so se voi immaginate, per modo di dire, Dio come un sole che tramonta e i raggi che vengono su sono il Verbo, e quindi il Verbo di Dio fatto carne è Gesù. Quindi Lui è proprio la gloria, quindi il massimo della bellezza, lo splendore. E quindi Maria, […] quella casetta […] lei la sapeva tener bene, in modo che ospiti bene Gesù. […] La nostra vocazione, che è vocazione mariana, è quella della casa. Non si capisce Maria se non madre di casa, oltre che sede della sapienza, e quindi che sa tenere una casa».
(Chiara Lubich, Loppiano, 30 maggio 1996, inaugurazione della casetta Gen)

«La mamma è più oggetto d’intuizione del cuore che di speculazione dell’intelletto, è più poesia che filosofia, perché è troppo reale e fonda, vicina al cuore umano. Così è di Maria, la Madre delle madri, che la somma di tutti gli affetti, le bontà, le misericordie delle mamme del mondo non riesce ad eguagliare.
Maria è pacifica come la natura, pura, serena, tersa, temperata, bella […]. Ed è forte, vigorosa, ordinata, continua, inflessibile, ricca di speranza. Maria è troppo semplice e troppo vicina a noi per essere “contemplata”. […] Porta il divino in terra soavemente come un celeste piano inclinato che dall’altezza vertiginosa dei Cieli scende alla infinita piccolezza delle creature».
(Chiara Lubich, Disegni di luce, Ed. Città Nuova, pp. 84,85)

Regolamento(500)

 

Commenti

  1. Vineed Joseph

    Greetings and I am encouraged of your brief reflection.
    In the recent past we, PASSION PLAY INDIA that hosts reenactments of Jesus’ life time events to strengthen the faithful become living Gospels, are initiating a new script for theatrical expedition “Passion of Mary, Mother of Jesus” entitled “He’s with You!”
    I love to share & discuss the concept with the like minded people around the globe. Love to hear the interested friends of Christ!

    Rispondi

Leggi anche