“Non chiunque mi dice: «Signore, Signore», entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli” (Mt 7,21).


Giugno 2021

Questa frase del vangelo di Matteo fa parte della conclusione del grande Discorso della montagna, in cui Gesù, dopo aver proclamato le Beatitudini, invita i suoi ascoltatori a riconoscere la vicinanza amorevole di Dio e indica come agire di conseguenza: scoprire nella volontà del Padre la direttissima per raggiungere la piena comunione con Lui, nel suo Regno.

“Non chiunque mi dice: «Signore, Signore», entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli”.

Ma cosa è la volontà di Dio? Come possiamo conoscerla?

Così Chiara Lubich ha condiviso la sua scoperta: «[…] La volontà di Dio è la voce di Dio che continuamente ci parla e ci invita; è un filo o, meglio, una trama d'oro divina che tesse tutta la nostra vita terrena e oltre; è il modo di Dio di esprimerci il suo amore, amore che chiede una risposta perché egli possa compiere nella nostra vita le sue meraviglie. La volontà di Dio è il nostro dover essere, il nostro vero essere, la nostra piena realizzazione. […] Ripetiamo allora ogni attimo di fronte ad ogni volontà di Dio dolorosa, gioiosa, indifferente: "Sia fatta". […] scopriremo che queste due semplici parole saranno una spinta potente, come una pedana di lancio, per fare con amore, con perfezione, con totale dedizione ciò che dobbiamo fare. […] E comporremo attimo dopo attimo il meraviglioso, unico e irripetibile mosaico della nostra vita che il Signore da sempre ha pensato per ciascuno di noi: egli, Dio, a cui s'addicono solamente cose belle, grandi, immense, nelle quali anche ogni più piccola parte, come un atto d'amore, ha senso e splende, così come i fiori minuscoli e variopinti hanno il loro perché nella sconfinata bellezza della natura». [1]

“Non chiunque mi dice: «Signore, Signore», entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli”.

Secondo il vangelo di Matteo, la Legge per eccellenza del cristiano consiste nella misericordia, che porta a pienezza ogni espressione di culto e di amore per il Signore.

Questa Parola ci aiuta ad aprire il nostro rapporto con Dio, certamente personale e intimo, alla dimensione fraterna, attraverso gesti concreti. Ci spinge ad “uscire” da noi stessi per portare riconciliazione e speranza agli altri.

Un gruppo di ragazzi di Heidelberg (Germania) offre questa testimonianza: «Come far sperimentare anche ai nostri amici che la chiave per la felicità si trova nel donarsi agli altri? È da qui che siamo partiti per lanciare la nostra nuova azione intitolata: ‘Un’ora di felicità’. L’idea è molto semplice: si tratta di far felice un’altra persona, almeno per un’ora al mese. Abbiamo iniziato con chi ci sembrava avesse più bisogno di amore e, dovunque abbiamo offerto la nostra disponibilità, ci siamo visti spalancare le porte! E così, eccoci in un parco per portare a spasso alcuni anziani su sedie a rotelle, in ospedale, dove abbiamo giocato con i bambini ricoverati o fatto sport con portatori di handicap. Loro erano felicissimi, ma come promette l’azione: noi lo eravamo ancora di più! Ed i nostri amici invitati a partecipare? Dapprima incuriositi, ora che hanno provato a dare felicità, sono d’accordo con noi: la felicità sì dona e, detto fatto, si sperimenta!”».

Letizia Magri

[1] C. Lubich, Collegamento telefonico, 27 febbraio 1992, in eadem, Conversazioni in collegamento telefonico, a cura di M. Vandeleene (Opere di Chiara Lubich 8/1; Città Nuova, Roma 2019) pp. 446

 

FileAzione
Parola di Vita_2021_06.pdfScarica
Parola di Vita-bambini_2021-06.pdfScarica
Word of Life_2021_06.pdfScarica
Word of Life-children_2021-06.pdfScarica
Palabra de Vida_2021_06.pdfScarica
Palabla de Vida-niños_2021-06.pdfScarica
Parole de Vie_2021_06.pdfScarica
Parole de Vie_enfants-2021_06.pdfScarica
Palavra de Vida_2021_06.pdfScarica
Palavra de Vida-crianças_2021-06.pdfScarica
“Non chiunque mi dice: «Signore, Signore», entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli” (Mt 7,21).

1 Comment

  • Qué explicación tan ridícula acerca de hacer la voluntad de Dios. Le pregunto, ¿será que usted podrá decir en aquel tiempo que hizo su voluntad? ¿Será que podrá ser merecedor de la vida eterna porque supuestamente habrá hecho su voluntad?
    De ninguna manera, porque es imposible que alguién pretenda salvarse haciendo méritos humanos. Entonces, hacer la voluntad del Padre, no puede ser lo que usted y otros muchos afirman.
    El Señor no dijo cuantas veces es necesario hacer su voluntad para ser salvo, tampoco dijo que con una sola vez sería suficiente. Lo cierto es que bajo ese mal entendimiento arminiano de lo que significa hacer su voluntad, nadie sería salvo.
    Todo aquel que es nacido de lo alto hace todos los días y a cada momento la voluntad del Padre. Los hijos del diablo hacen la voluntad del maligno. Y no significa que no nos vayamos a equivocar en nuestras decisiones, sino que el tema aquí es netamente espiritual.
    Todo ser hace siempre la voluntad del Padre, porque él es soberano; pero la diferencia radica en que los hijos de desobediencia hacen la mala voluntad del Padre, para lo cual utiliza a satanás, ya que la naturaleza de Dios es el amor.
    La Biblia es clara al manifestar que no somos neutrales o independientes; o hacemos la voluntad del Padre creador de todas las cosas, o hacemos la voluntad del padre de la mentira el cual es satanás.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *