«Allora, vogliamo prenderlo questo caffè?»

Lavoro da circa dieci anni in una grande stazione di distribuzione di carburante sul raccordo anulare. Non sarebbe il mio lavoro, ma non dico ai miei clienti che sono laureato. Qualcuno mi chiede: “Ma tu sei benzinaro benzinaro?”. Ed io: “Sì, sì sono benzinaro”. E loro: “Ma non sembra che sei un benzinaro!”.
Sono venuto dallo Zaire in Italia quando avevo 20 anni per studiare. Allora avevo delle ambizioni: “Appena termino gli studi torno al mio paese, avrò un buon posto di lavoro e delle responsabilità”. Ma, una volta laureato, non mi è stato possibile realizzare questo sogno. All’inizio lo vivevo come un’umiliazione, non riuscivo ad accettarlo … poi ho capito che Dio vuole che io lo ami attraverso questo lavoro, e allora cerco di farlo bene e di rimanere sempre nell’amore.

Questo distributore è sempre aperto e faccio dei turni anche durante la notte. Passa tantissima gente, e se ne vedono di tutti i colori. Vi racconto due episodi.
Una notte arriva una macchina con a bordo 6 persone, chiaramente con facce poco rassicuranti, mi chiedono di mettere 50.000 Lire di benzina. Mentre metto la benzina, l’autista mi chiede: “Tu paghi le tangenti?”. Io un po’ spaventato gli dico: “Non so cosa sono”. Quando si tratta di pagare, mi dice: “Noi non abbiamo soldi”. Alloro gli dico “Me li porterete quando capiterete di nuovo da queste parti”. E loro mi chiedono: “Tu sai chi siamo noi? Conosci il carcere?” e io “per sentito dire”. Erano dei carcerati in libertà provvisoria. “Non passeremo più di qui, non abbiamo soldi e non possiamo pagarti”.
Dopo una breve discussione, dico: “Visto che non avete neanche 50.000 Lire da pagarmi, fate finta che vi ho offerto 50.000 Lire di benzina”. Allora ripartono, ma dopo pochi metri fanno retromarcia, mi richiamano e uno mi dice: “Ehi! Per chi ci hai preso, per dei poveracci?” Mi pagano le 50.000 Lire e vogliono darmi 10.000 Lire di mancia per prendere il caffè dicendomi che ero molto simpatico. Ed io: “No, non posso prendere le 10.000 Lire! Se volete, il caffè lo possiamo prendere insieme quando ripassate!”.
Dopo molti mesi, un pomeriggio, uno di loro si presenta e mi dice: “Amico, non ti ricordi di me? Allora, vogliamo prenderlo questo caffè?”.

Un’altra notte, verso le ore 23, dall’interno mi rendo conto che due persone fanno il self-service, ma invece di mettere benzina, hanno messo gasolio.
Il collega mi dice: “Lascia stare, non uscire, non devi rischiare per quelli!”, ma io non riesco a stare in pace e gli dico: “Ma se fosse successo a te cosa faresti? Io non me la sento. Penso che quando tu fai del bene, siccome Dio è generoso, non si lascia scappare l’occasione per aiutarti”. E lui: “Tu e i tuoi discorsi da prete…”
Esco per aiutarli, cerchiamo di riparare al danno, ma non c’è stato modo, non avevano neanche i soldi per pagare il soccorso stradale. Allora mi offro di accompagnarli a casa e così hanno potuto prendere un’altra macchina per trainare la prima. Intanto insistevano per pagarmi la benzina, ma io non ho accettato e ho detto che l’avevo fatto perché li consideravo fratelli.
Alla radice di questi episodi c’è Dio da cui mi sento amato immensamente, e, quando ‘dò’, è Lui stesso che mi ‘ridona’ la gioia di aver potuto ancora amare.

P. M. – Italia

 

Comments are disabled.