“Interponiamo, tra le alluvioni dell’odio, la diga dell’amore”

“Quando nella Prima Guerra mondiale, vigilavo durante la notte in trincea, mi torturava sempre il pensiero del comandamento divino: ‘Quinto: non ammazzare’.”
“Ogni cannone che viene costruito, ogni nave da guerra che viene varata, ogni razzo che viene preparato rappresenta un urto a coloro che hanno fame, a coloro che hanno freddo e non hanno da coprirsi.”
“Ci occupiamo di generare la pace nella misura con la quale ci occupiamo di generare la guerra?”
“Si dia alla pace almeno altrettanto di propositi, di decisione, di azione, di sacrifici che ai fuochi sudanti a preparare metalli.”
“Muovere guerra alla guerra; rispondere con la carità alla bestialità: noi dovremmo, sull’esempio di Gesù, interporre tra le alluvioni dell’odio la diga della pietà e della carità.”
“La pace è possibile con Cristo solamente. E la pace è scienza, è civiltà, è luce: come la guerra è ignoranza, è istinto, è buio. Aspettarsi, come s’è fatto, dalla carneficina una civiltà migliore […] è lo stesso che pretendere dalla ghigliottina il miglioramento pedagogico delle teste che recide.”
“Il disprezzo dell’uomo e il suo deprezzamento derivano dal fatto che non si vede più in lui il Cristo; e allora all’amore è successo l’odio, la spiritualità del principe della morte. Non vale la protesta: e neppure valgono le armi, da quanto la storia incisa sulle nostre carni dimostra. Contro l’odio vale la carità: contro il disprezzo della persona vale solo il valutarla un altro Cristo; contro l’eliminazione, la deportazione, il genocidio vale solo l’amore, per cui si ama il fratello come si ama se stesso, sino all’unità, onde si fa tutto uno con lui, qualunque sia il suo nome.”

Comments are disabled.