La nuova Città Nuova!

Abbiamo chiesto a Paolo Lòriga, capo redattore di Città Nuova, di raccontarci del nuovo formato della rivista:

"Non crediamo alla Befana. Ve lo assicuriamo. Ma è altrettanto vero che dal 7 gennaio sono incominciati a piovere in redazione un sacco di doni: lettere, e-mail, telefonate e sms. Prima sommessamente, poi sempre di più, quasi un crescendo rossiniano a mano a mano che le italiche poste – con l’abituale non affrettato incedere – provvedevano a consegnare agli abbonati il primo numero del 2010 della rivista. Quello con la nuova veste grafica e la mutata fisionomia interna.

I lettori ci continuano a dire – quasi scusandosi – che è solo un giudizio immediato, che hanno solo sfogliato la nuova rivista, che non hanno ancora letto nulla, che avrebbero dovuto prima esaminarla con cura, ma che non avevano resistito al desiderio di comunicare subito alla redazione il proprio gradimento.

E noi siamo caduti nella più banale delle tentazioni: quella di gioire del risultato ottenuto. Perché – almeno per quanto riguarda una rivista che si rinnova – vale nel modo più assoluto il detto che la prima impressione è quella che conta.

Eppure, diciamola tutta, il progetto varato costituisce un robusto mutamento per adeguare la rivista alla grafica e allo stile di oggi, in modo da rendere più efficace ed attuale il messaggio di fraternità universale che Città Nuova diffonde dal 1956.

Così, una volta lanciato il numero, abbiamo atteso i primi segnali di riscontro. Ed ecco che è piaciuto molto il formato più compatto (2,5 cm più basso e 1 più stretto) – «Si porta meglio in borsa», chiarivano le signore –, la carta più bianca e antiriflesso, il carattere tipografico che migliora la leggibilità. E poi, pagine ariose, articoli brevi, approfondimenti più ampi. Graditi anche il ritmo più brioso, le numerose rubriche, le novità sino all’ultima pagina.
Ma fermiamoci qua. È meglio. Intanto perché aspettiamo il salutare manifestarsi di perplessità e critiche. E poi perché in redazione abbiamo visto di questo primo numero sufficienti insufficienze che ci spingono a porre rimedio già nel numero a cui stiamo lavorando.

In ogni modo, sentendo i primi giudizi dei lettori, il risultato complessivo è davvero lusinghiero. Ma va anche detto che non è merito esclusivo della redazione. La rivista, si sa, è espressione della vita e delle idee del Movimento dei focolari in Italia. Così da qualche anno la redazione s’è messa in più attento ascolto delle esigenze e dei desideri delle comunità, incontrando tantissime persone nelle loro città o avviando un dialogo (anche attraverso questionari) nelle decine di convegni annuali svoltisi presso il Centro Mariapoli di Castel Gandolfo. A questi si sono aggiunti appuntamenti specifici con i collaboratori della rivista, con gli esperti e gli editorialisti, nonché con i dirigenti centrali del movimento, incominciando dalla presidente Maria Voce e dal copresidente Giancarlo Faletti.

Quanto mai ricche le annotazioni ricavate da un vasto pubblico partecipe e vario, fiducioso ed esigente. Tra le tante sintonie riscontrate, una svettava con enorme chiarezza: vedere confermata una rivista che ha la sua marcata identità spirituale e culturale e un’altrettanto chiara apertura e universalità. Due fattori che sembrano oggi stare in permanente conflitto.

Ma se Città Nuova è figlia del carisma dell’unità, se è espressione dell’eredità lasciata da Chiara Lubich, quei due elementi devono invece non solo richiamarsi a vicenda, ma risultare complementari sin nel midollo. Solo chi ha un’identità certa si apre in modo sereno e mite al rapporto costruttivo con chiunque, perché consapevole dell’alta dignità di ciascuno.

A fine settembre, per un’intera settimana, la redazione ha elaborato il progetto generale della nuova creatura. Lì ci siamo convinti che questa volta non potevamo appaltare all’esterno il lavoro di ideazione e realizzazione. La sfida completa doveva essere raccolta da noi. Sappiamo infatti che nella comunicazione forma e contenuto sono inscindibili. Per il laboratorio d’unità che è la redazione, questo vale ancora di più. Da allora una corsa impegnativa e appassionante sino alla vigilia di Natale. Poi l’attesa e la sospensione   sino ai doni della Befana. Il cantiere, comunque, rimane aperto."

di Paolo Lòriga

Comments are disabled.