1939 – La Casetta

Casetta
Il 1939 registrò un viaggio che si rivelò decisivo per Silvia: «Sono invitata a un convegno di studentesse cattoliche a Loreto – scriverà più tardi Chiara, usando quel tempo presente che per lei significava il permanere della realtà divina, quasi nell’atemporalità dello Spirito –, dove è custodita, secondo la tradizione, la casetta della Sacra famiglia di Nazareth. Seguo in un collegio un corso con tutte le altre; ma, appena posso, corro lì. Mi inginocchio accanto al muro annerito dalle lampade. Qualcosa di nuovo e di divino m’avvolge, quasi mi schiaccia. Contemplo col pensiero la vita verginale dei tre: “Dunque Maria avrà abitato qui – penso –. Giuseppe avrà attraversato la stanza da lì a lì. Gesù Bambino in mezzo a loro avrà conosciuto per anni questo luogo. I muri avranno riecheggiato la sua vocetta di infante…”. Ogni pensiero mi pesa addosso, mi stringe il cuore, le lacrime cadono senza controllo. Ad ogni intervallo del corso corro sempre lì. È l’ultimo giorno. La Chiesa
è gremita di giovani. Mi passa un pensiero chiaro, che mai si cancellerà: sarai seguita da una schiera di vergini». Così.

Tornata in Trentino, Chiara ritrovò la sua scolaresca e il parroco che l’aveva accompagnata nel suo cammino spirituale in quei mesi. Questi, non appena la vide così felice, le chiese se finalmente avesse trovato la sua strada. Chiara rispose di sì. Era una strada nuova, che non corrispondeva a quelle conosciute: ritirarsi in un convento, sposarsi, consacrarsi a Dio, ma nel mondo. Nulla di più, nessuna “involata”, ma la concretezza delle cose e dei tempi di Dio.

Comments are disabled.