Gennaio 2012

Queste parole, rivolte da san Paolo alla comunità di Colossi, ci dicono che esiste un mondo, nel quale regna l’amore vero, la comunione piena, la giustizia, la pace, la santità, la gioia; un mondo dove il peccato e la corruzione non possono più entrare; un mondo dove la volontà del Padre è perfettamente compiuta. È il mondo al quale appartiene Gesù. E’ il mondo che egli ha spalancato a noi con la Sua risurrezione, passando attraverso la dura prova della passione.

«Se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio.»

A questo mondo di Cristo, dice san Paolo, noi non soltanto siamo chiamati, ma già apparteniamo. La fede ci dice che mediante il battesimo noi siamo inseriti in Lui e, perciò, partecipiamo della Sua vita, dei Suoi doni, della Sua eredità, della Sua vittoria sul peccato e sulle forze del male: siamo infatti risorti con Lui.

Ma, a differenza delle anime sante che hanno già raggiunto il traguardo, la nostra appartenenza a questo mondo di Cristo non è piena e svelata; soprattutto non è stabile e definitiva. Fino a che ci troviamo su questa terra noi siamo esposti a mille pericoli, difficoltà e tentazioni, le quali possono farci tentennare, possono frenare il nostro cammino o addirittura deviarlo verso false mète.

«Se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio.»

Si comprende allora l’esortazione dell’Apostolo: «Cercate le cose di lassù». Cercate di uscire non già materialmente, ma spiritualmente da questo mondo; abbandonate le regole e le passioni del mondo per lasciarvi guidare in ogni situazione dai pensieri e dai sentimenti di Gesù. “Le cose di lassù”, infatti, stanno ad indicare la legge di lassù, la legge del Regno dei cieli, che Gesù ha portato in terra e vuole che realizziamo fin da ora.

«Se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso alla destra di Dio.»

Come vivere allora questa Parola di vita? Essa ci sprona a non accontentarci di una vita mediocre, fatta di mezze misure e compromessi, ma a conformarla, con la grazia di Dio, alla legge di Cristo.

Ci spinge a vivere e ad impegnarci a testimoniare nel nostro ambiente i valori che Gesù ha portato sulla terra: potrà essere lo spirito di concordia e di pace, di servizio ai fratelli, di comprensione e di perdono, di onestà, di giustizia, di correttezza nel nostro lavoro, di fedeltà, di purezza, di rispetto verso la vita, ecc.

Il programma, come si vede, è vasto come la vita; ma per non rimanere nel vago, attuiamo in questo mese quella legge di Gesù che è un po’ il sunto di tutte le altre: vedendo in ogni fratello Cristo, mettiamoci al Suo servizio. Non è poi questo che ci sarà chiesto al termine della nostra esistenza?

Chiara Lubich

5 Comments

  • Cercando di vivere “cercare le cose di lassù”, mi sono reso conto di quanto siamo presi dalle cose di quaggiù. Così questo mese è stata una bella ginnastica a ricominciare sempre.

  • “Me ayudás a limpiar la cocina?”. Este pedido de ayuda cambiaba todos los planes de mi tarde libre… me costaba dejarlos de lado, pero me acordé que la Palabra de Vida de este mes decía que teníamos que ver a Jesús en cada prójimo y servirlo. Me pareció una oportunidad muy concreta para servir… Esa tarde fue, además, una ocasión para compartir. Vivir el Evangelio no es siempre fácil, pero vale la pena!

  • “Servizio al fratello, a ogni prossimo che ci passa accanto, per servire così Gesù”. Per me che sono un’educatrice, e che ho a che fare quotidianamente con i ragazzi, questo richiamo al servizio concreto, ad andare oltre la stanchezza che si accumula di giorno in giorno, è stato di grande aiuto per tutto il mese”.

  • Ho provato a “cercare le cose di lassù” in una situazione di lavoro che s’era arenata. Mi è venuto in mente che in realtà forse era un bene abbassare il ritmo che avevamo. Per quanto spererei che la situazione si sblocchi, ora mi sento sereno. Penso che forse questo nuovo atteggiamento gioverà al lavoro di tutta la squadra.

  • Fantastico, se da oggi possiamo interagire direttamente sul sito per commentare, condividere, raccontare le nostre STORIE VERE, il Vangelo che funziona ancora oggi…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *