Settembre 2013

È san Giovanni che scrive. Egli mette in guardia le sue comunità contro certuni, i quali a parole esaltavano la fede in Gesù, ma a questa fede non facevano seguire le opere. Anzi, queste ultime venivano considerate inutili o superflue, come se Gesù avesse già fatto tutto. La loro era così una fede vuota e sterile, perché lasciava mancare all’opera di Gesù l’apporto indispensabile che egli chiede a ciascuno di noi.

«Non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità»

Amare con i fatti. La vera fede, dice l’apostolo, è quella che dà prova di sé amando come Gesù ha amato e ci ha insegnato. Ora, la prima caratteristica di questo amore è la concretezza. Gesù non ci ha amati con dei bei discorsi, ma è passato in mezzo a noi facendo del bene, sanando tutti, essendo pienamente disponibile verso quelli che gli si presentavano, a cominciare dai più deboli, dai più poveri, dai più emarginati e dando la sua vita per noi.

«Non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità»

Dobbiamo amare poi, dice l’apostolo, oltre che coi fatti, anche nella verità. L’amore cristiano, mentre cerca di tradursi in fatti concreti, si preoccupa di ispirarsi alla verità dell’amore che troviamo in Gesù; si preoccupa di far opere conformi ai suoi sentimenti ed ai suoi insegnamenti. Dobbiamo cioè amare nella linea e nella misura mostrateci da Gesù.

«Non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità»

Come vivere allora la Parola di vita di questo mese? Il suo messaggio è fin troppo chiaro. È un richiamo a quella autenticità cristiana, su cui Gesù ha tanto insistito. Ma questa non è anche la grande attesa del mondo? Non è forse vero che il mondo di oggi vuol vedere dei testimoni dell’amore di Gesù?

Amiamo allora con i fatti e non con le parole, cominciando dagli umili servizi che ci sono richiesti ogni giorno da parte dei prossimi che ci stanno accanto.

E amiamo nella verità. Gesù agiva sempre in linea con la volontà del Padre; allo stesso modo anche noi dobbiamo sempre agire in linea con la parola di Gesù. Egli vuole che vediamo lui stesso dietro ogni prossimo. Infatti, quanto facciamo per ciascuno lo ritiene fatto a sé. Egli vuole poi che amiamo gli altri proprio come noi stessi, e che ci amiamo fra noi essendo pronti a dar la vita l’uno per l’altro.

Amiamo dunque così per essere anche noi strumenti di Gesù per la salvez­za del mondo.

Chiara Lubich


 Parola di vita pubblicata in Città Nuova, 1988/8, p.11.

16 Comments

  • É verdade … concordo…mas na pratica … muitas das vezes se torna muito difícil … porém … vendo a situação un rostro de “jesus abandonado” … a situação muda de cena … e morrendo da vontade … muitas das vezes … mas com isso tu ama … abraça e vai pra frente …

  • Esta palabra de vida me ayuda a encontrar todos los dias el camino para amara concretamente al hermano.
    Un saludo a todos desde Mexico

  • to see and love Jesus in everyone is the answer… committed to really living this, this month.. and do my part to bring about peace in a real and lasting way.

  • Esta Palabra de Vida nos lleva a lo esencial: mostrar la Fe con obras, pero no conforme a nuestro pesamiento, sino en la verdad de Jesús. Pidámosle la luz para saber actuarla a todo momento!

  • people hav found solace thru focolare and its continuing to do its wonders, God bless His work of love being done in us

  • hoje mais do que nunca os fariseus estão mais disfarçados julgam mandam e nada fazem mais concederam-se os puros, mais na verdade DEUS ver tudo não esqueça disso.

    • Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *