Igino Giordani: per­fetto nell’amore


20150518-a«Non si può dire qui chi è sta­to Igino Giordani per il Mo­vimento dei Focolari. Basti pensare che egli è un co­fondatore del Movimento stesso. Ora essere fondatori o anche cofondatori di un’Opera che la Chie­sa riconosce sua, comporta un’azione così molteplice e complessa della gra­zia di Dio, impulsi così vari e validi dello Spirito Santo, comportamenti, da parte del soggetto, così decisivi per l’Opera ed il più delle volte imprevi­sti perché suggeriti dall’Alto, richiesta di sofferenze spesso penetranti e pro­lungate nel tempo, elargizioni di gra­zie di luce e di amore, non ordinarie, che è meglio affidare alla storia della Chiesa e dei Movimenti spirituali che l’abbelliscono di secolo in secolo, la rivelazione di questa figura.

Si può dire qualcosa, anche se non è facile, di Igino Giordani focolarino.

Il focolarino fa ogni cosa, prega, la­vora, soffre, per arrivare a questo tra­guardo: esser perfetto nell’amore. Ebbene ci sembra proprio di do­ver affermare che Giordani ha rag­giunto questa mèta. Per quanto noi possiamo giudicare, egli è stato per­fetto nell’amore.

Ha impersonato quindi il nome di battaglia col quale era chiamato nel Movimento: Foco, fuoco, e cioè quel­ amore verso Dio e il prossimo, so­prannaturale e naturale, che sta alla base ed al vertice della vita cristia­na, contribuendo in maniera unica a mantener viva in mezzo a tutti noi la realtà della “parola di vita” che gli era stata indicata al suo ingresso nel Movimento: “Amatevi a vicenda co­me io ho amato voi”.

Quelli che hanno conosciuto a fondo Igi­no Giordani, sono concordi nel costatare e nell’affermare che egli ha vissuto le beatitudini.

“Puro di cuore” in ma­niera eccezionale, ha aper­to a persone coniugate di ambo i ses­si, di varie parti del mondo, la pos­sibilità d’una originale consacrazione a Dio, pur nello stato matrimoniale, mediante una verginità spirituale, ef­fetto della più ardente carità.

Questa purezza di cuore gli affinò i sentimenti più sacri e li potenziò. Aveva un tene­rissimo amore per la sua sposa. Ed alla fine della vita commuoveva ed im­pressionava l’intensità dell’affetto ver­so i suoi quattro figlioli. Così per i suoi nipoti. Era un padre perfetto, un nonno perfetto e un uomo tutto di Dio.

E’ stato “povero in spirito” con un distacco completo non solo da tut­to ciò che possedeva, ma soprattutto da tutto ciò che era.

Era carico di misericordia. Vicino a lui anche il più misero peccatore si sentiva perdonato ed il più povero si sentiva re.

Una delle caratteristiche più spicca­te, come documenta anche la sua sto­ria di uomo politico, è stata quella di “operatore di pace”.

Ed era arrivato a possedere tale mi­tezza da far capire come il Vangelo dica che chi ha questa virtù possiede la terra: egli con la più nobile genti­lezza, con quel modo di trattare, con quelle parole tutte sue che aveva per ognuno, conquistava tutti quelli che avvicinava. Chiunque si sentiva a suo agio, considerato con dignità, anche i giovani riuscivano a stabilire con lui un rapporto da pari a pari. E si co­statava come, soprattutto negli ultimi anni, irradiasse, parlando, qualcosa di soprannaturale.

“Aveva fame e sete della giusti­zia” per la quale ha combattuto tut­ta la vita. Ed ha subìto persecuzioni per il no­me di Dio, per cui oggi lo crediamo in possesso del Suo Regno.

Ma molte altre parole del Vangelo fanno ricordare la sua figura.

Da lui si comprende co­sa significhi quella con­versione che Gesù chiede, per cui oc­corre farsi bambini. Cristiano di prim’ordine, dotto, apo­logeta, apostolo, quando gli è parso d’incontrare una polla d’acqua genui­na, che sgorgava dalla Chiesa, ha sa­puto “vendere tutto” per seguire Ge­sù che lo chiamava a dissetarsi di quell’acqua.

Avendo molto sofferto per quell’e­marginazione spirituale in cui gli sem­brava di scorgere ai suoi tempi il lai­cato, ambiva con tutto il suo grande cuore ad abbattere pareti divisorie fra persone che stavano nel­lo stato di perfezione ed altri – ag­giungeva scherzando – in quello di imperfezione. In pratica, egli era sensibilissimo ai segni dei tempi, anzi era lui stesso un segno dei tempi, di questi tempi in cui lo Spirito Santo chiama tutto il popolo di Dio alla santità.

Quando Igino Giordani aveva incontrato il Mo­vimento era formato soltanto da persone vergini. È stato lui a spalancarlo ai coniu­gati, che al suo seguito hanno avver­tito la fame di santità e di consacra­zione, mandando ad effetto quel pro­getto, prima soltanto intravisto, d’una convivenza di vergini e coniugati, per quanto è a questi consentito, sull’immagine della famiglia di Nazareth. Giordani è stato uno dei più grandi doni che il cielo ab­bia fatto al Movimento dei Focolari».

(tratto da: Chiara Lubich, Igino Giordani focolarino, «Città Nuova» n. 9-10 maggio 1980)

No comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *