Perchè ho chiesto di tornare in Siria


20150421-01Uno sguardo vivo, un sorriso dolce che, velandosi di tristezza, permane anche quando racconta le tragiche vicende nel Paese diventato ora la sua patria di elezione. Ghada, cosa ti ha spinto a tornare in Siria?

«A 20 anni ho lasciato famiglia e patria per seguire Dio. Nel settembre 2013, quando ho deciso di tornare in Siria, lo slancio era lo stesso, intatto. Non mi spaventava l’idea che avrei potuto anche morire. Di più mi attraeva l’andare a vivere accanto alle persone che anni prima avevo conosciuto e far sentire loro che non sono abbandonate. Mi ha spinto il desiderio di condividere la loro vita, le loro paure, la precarietà del loro quotidiano. Qui infatti le bombe fioccano quando meno te l’aspetti».

Ma non c’è nessun preavviso ai bombardamenti per potersi proteggere in qualche modo?

«Non ci sono sirene che annuncino i raid e neppure ci si può basare su una strategia che faccia supporre quando e dove i razzi colpiranno. D’altra parte è ormai il 5° anno di guerra e non si può restare barricati per sempre. Ci si può fermare un giorno, un mese ma poi, anche se tuonano i mortai, la vita deve continuare: i bambini vanno a scuola e i genitori a lavorare per mantenere la famiglia. Tutto va avanti, nella precarietà e nel rischio più assoluti. Avevo vissuto lo stesso dramma quando ero in focolare in Libano, ma qui è tutto più aggravato, tutto più difficile. Qui si respira terrore e violenza da ogni angolo».

20150421-02Tu eri già stata in Siria nel passato. Puoi dirci qualcosa del cambiamento che hai trovato?

«Quando ero in focolare in Libano, mi recavo ad Aleppo, a Homs e anche a Damasco perché già allora tante persone desideravano mantenersi in contatto coi Focolari. Per la sensibilità e la profondità interiore del popolo siriano, era spontaneo stringere rapporti significativi. Si condividevano i valori cristiani, qui tanto sentiti. Pur nella pluralità di Chiese e riti diversi, tipica di questa terra, c’era e c’è ancora grande armonia tra tutti. Quando nel ’94 si è progettato il focolare ad Aleppo, sono stata mandata ad aprirlo con altre due focolarine. Ci sono rimasta per 9 anni. Per la Siria erano tempi di prosperità: il Paese non aveva debito pubblico e il PIL era in continua ascesa. Di sera anche noi ragazze potevamo uscire liberamente.

Ora c’è la bufera. Ma il peggio è l’assenza della prospettiva che questa guerra possa cessare.

Sono tornata per dire, con gli altri focolarini, che siamo in Siria, che non l’abbiamo dimenticata, che Gesù ci ha plasmati un’unica famiglia e per questo vogliamo correre gli stessi rischi. Anche noi infatti, come tutti, andiamo al lavoro, in chiesa, al mercato, senza sapere se torneremo a casa. Siamo lì per l’amore che ci lega e la comunità in Siria sa che siamo disposti anche a dare la vita per loro. Come lo sono anche loro per noi. Questa reciprocità è davvero eccezionale. Fanno a gara per farci stare bene, per condividere con noi tutto quello che hanno».

Voi focolarine siete a Damasco, una città affascinante, ricca di arte, di storia, una famosa meta turistica. Come si vive lì, oggi?

«In città, ma anche nei villaggi, ogni giorno si sfida la morte. I trasporti sono spesso in tilt per mancanza di gasolio e continui posti di blocco. Si sa quando si esce ma non si sa quando si arriverà. Nelle case l’elettricità manca per ore, come pure l’acqua. Si rischia l’esasperazione. Tanto che l’esodo – per chi può lasciare il Paese – è in continua ascesa. Si calcola che l’emigrazione, anch’essa non priva di rischi gravissimi, abbia superato i 6 milioni di persone. Ma la religiosità è sempre molto sentita. Alla Via Crucis del venerdì santo, pur consapevoli che le bombe potevano esplodere da un momento all’altro, i cristiani erano tutti alla processione, portando con sé anche i bambini. Recentemente i ragazzi che seguiamo hanno parlato via skype con un gruppo di coetanei portoghesi. Questi volevano organizzarsi per mandare aiuti e chiedevano di che cosa avessero più bisogno. E loro, pur avendo necessità di tante cose materiali, continuavano a ripetere: «Pregate per noi, pregate per la pace, pregate che si fermi questa spirale di odio».

20150421-03Il vostro restare in Siria è una scelta forte, coraggiosa…

«Non ci sentiamo degli eroi. Come non siamo qui a titolo personale. Prima di partire avevo potuto incontrare papa Francesco: nel suo incoraggiamento ho sentito tutto l’amore della Chiesa che si fa vicina a questo popolo così provato. Ci sentiamo sostenuti anche dall’amore di tutto il Movimento dei Focolari sparso nel mondo. Ne abbiamo bisogno per continuare a sperare, impotenti di fronte alla supremazia degli interessi economici e al proliferare del mercato internazionale di armi. La nostra mission è partecipare e condividere le vicende quotidiane della gente. Festeggiamo insieme le ricorrenze, creiamo momenti distensivi fra adulti e bambini per cercare di alleviare lo stress. Organizziamo momenti di spiritualità, preghiamo insieme per la pace. A Natale i nostri giovani hanno organizzato un concerto: vi hanno partecipato 300 persone, fra cui anche amici musulmani. Recentemente abbiamo festeggiato un matrimonio. Nella famiglia erano stati uccisi due figli e per via del lutto la ragazza non poteva uscire da casa vestita da sposa. Allora è uscita dal focolare, accompagnata in chiesa da tutte noi. Cerchiamo di inserirci nelle iniziative della Chiesa locale e con le altre espressioni ecclesiali che sono qui ci aiutiamo a prosciugare le sofferenze e le privazioni della gente. Per continuare insieme a sperare e a credere, sostenendo ogni sforzo per l’avvento della pace».

17 Comments

  • Ghada carissima GRAZIE! Sono con te a sperare e chiedere con insistenza e fede il dono della pace! Assicuro la preghiera e l’UNITA’ a te e a ciascuno, con tutto il cuore

  • Carissima Ghada,

    grazie per la tua generosità a Dio, che insieme a tutti i nostri lì ci interpellano a vivere , pregare e AMARE, AMARE, AMARE per ottenere il dono della PACE.

  • Grazie per la forte testimonianza nell’ Amore di Dio, per la tua vita spessa per Lui e per gli altri. Conta che preghiamo e chiediamo insieme a tutti voi per il dono della pace e che finiscano tutte le guerre nel mondo. Siamo con voi e chiediamo tanta forza e luce per tutti .

  • Carissíma Ghada,
    Che grande grazia potere ofrire concretamente la tua vita al nostro popolo in Síria. Sono con te e ciascuno dei nostri a vivere e pregare per il dono della Pace!

  • GRAZIE INFINITE Ghada per la tua-vostra vita.
    Sono anche io con voi e tuttia pregare e vivere per la Pace!
    Qui in Svizzera ci sono tanti rifugiati Siriani… anche noi di Montet partecipiamo attivamente a iniziative della chiesa locale (non solo cattolica) per farli sentire “a casa” qui e per portare loro un po’ di amicizia e conforto nel grande dolore di aver dovuto lasciare la loro terra… Sentimi con te!!!!

  • Che sorpresa trovarti qui…siamo con tutti voi e chiediamo incessantemente a Dio il dono della pace!Un grande abbraccio !

  • ciao Ghada! anch’io voglio assicurarti (vi) della mia piena unità, fa bene all’anima sapere che siete li, per la famiglia di Chiara e per tutti!! chiedo tanta forza e la luce per voi !!! Che il male non abbia l’ultima parola

  • Grazie Ghada per la tua testimonianza e per quella di tanti fratelli e sorelle di Siria e Medio Oriente, terra e popoli che mi sono nel cuore. Contate sulle nostre preghiere . Sappiamo come anche nel dolore dobbiamo e possiamo continuare ad amare , nella verità nella pace e nella misericordia. Continuate a comunicare le vostre esperienze con tutti i mezzi che potete, ne abbiamo tutti bisogno.

  • Tu lo sai Ghada che sono e siamo sempre con te, vivendo e pregando per voi, per la pace e perché chi fa del male possa cambiare vita. Un abbraccio forte!

  • Grazie Ghada, a te e a tutti i focolarini presenti in Sria. Continuiamo insieme a chiedere il dono della pace e particolarmente nel cuore di ogni uomo.

  • Grazie per l aggiornamento e a Ghada e le focolararine li. Viviamo e preghiamo con voi . United from Belfast, Ireland.

  • Unitissimo per questo stile di vita: initiative per mantenere vivo la fiamma del amore dove l’imagine di Gesù Abbandonato è presente. Mi dà coraggio ad andare vanti per testimoniare che vince l’amore, l’unità e la vità.
    Nel vivere e pregare perché finiscono tutte le guerre nel mondo,

    Dieudonné

  • Uniti nel continuare a credere a sperare e a pregare. Grazie per aver messo sul sito questa intervista. Nessuno parla più della Siria descrivendo la reale situazione.

    • Grazie, di quanto scrivi e soprattutto di quanto vivi, di quanto vivete. È un esempio forte di fiducia in Dio, di vera umanità . Vivo nel mio piccolo per voi e con voi, Marigi

      • Carissima Ghada, grazie per dirci dell´ tuo amore di vivere insieme con il popolo della Syria! Vivere la loro vita! Prego , affinche la pace sara realtá!
        Qui in Íslanda, a Reykjavík ,ci sono apena venuti delle famiglie della Syria.
        Verso la Croce Rossa io mi preoccupa di una famiglia musulmana con 2 bambine.
        Grazie infinito per il tuo esempio! Voglio essere con te!

    • Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *