Hemmerle: l’infanzia, aurora di una profezia


20171118-01Accanto alla cassa del supermercato c’è una carrozzina; dentro, un neonato. Nella calca nessuno bada agli altri, sono tutti presi dal far valere il loro turno, dallo spuntarla sugli altri e dal finire presto. Ma dinanzi al bimbo si fermano in tanti, gli sorridono, gli dicono qualche paroletta gentile.

I bambini hanno il singolare potere di spezzare l’estraneità e il mutismo della nostra società e di creare un legame semplicemente con il loro esserci.
I bambini appartengono ai loro genitori, alla loro famiglia, ma al tempo stesso appartengono a noi, a tutti. Sono per così dire un “bene comune”.
In certo qual modo vale per i bambini in genere, cioè per ogni bambino, ciò che il profeta annunziò di un bambino: “Un bambino è nato per noi, ci è stato dato un figlio” (Is 9,5).
I bambini sono doni, doni fatti a noi, a tutti.
Cosa ci viene donato, in loro?  Risposta: il futuro.
Questo è ovvio: se non ci fossero bambini l’umanità non avrebbe futuro. Ma la nostra risposta ha un senso più profondo. Istintivamente sperimentiamo il bambino come una promessa, come l’aurora di quel futuro migliore che ci auguriamo.
A un bambino non chiediamo soltanto: Che futuro hai? Ma anche: Quale futuro ci porti? E in effetti come sarà il futuro, cosa succederà o non succederà dipende da coloro che sono bambini oggi. Il futuro è già nato, nei bambini che nascono. (pp 39-40)

Divenire uomo significa diventare bambino. Da Adamo ed Eva non c’è eccezione a questo.
Il cammino che porta a essere uomo passa attraverso il bambino.
E proprio questo è il cammino di Dio: il Figlio di Dio si è fatto uomo, divenendo bambino
Noi gli apparteniamo se accogliamo i suoi amici, i bambini, e se accogliamo lui stesso come bambini.
Solo chi diverrà come un bambino entrerà nel Regno.
Divenire semplici, puri, condividere il dolore, condividere la gioia.
Lasciarsi fare un dono e ricambiarlo.
Il bambino: virtù che salva dalla rassegnazione e dal calcolo, dall’egoismo e dalla mancanza di senso.
Il bambino ci chiede di poter vivere, di avere un suo spazio vitale.
Il Bambino nella mangiatoia è colui che ci invita ad essere uomini come lui
e a ricevere da lui una vita divina. (pag. 34)

Klaus Hemmerle, da “Dio si è fatto bambino” –  Ed. Città Nuova, Roma 1994.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *