Algeria: martiri per Dio


MartyrsAlgeriaPromulgato il decreto vaticano del martirio per i 7 monaci di Tibhirine, per mons. Pierre Claverie, vescovo di Orano, e per altri 11 religiosi e religiose, tutti uccisi fra il 1994 e il 1996 durante la guerra civile algerina, che causò la morte di migliaia di persone innocenti, tra cui giornalisti, scrittori, imam e gente comune.
Alla vicenda dei 7 monaci, rapiti dal loro monastero di Nostra Signora dell’Atlante (a 80 km da Algeri) e massacrati in circostanze ancora oscure, è stato dedicato il film “Uomini di Dio”. La violenza ebbe il culmine nell’agosto 1996, quando il vescovo domenicano di Orano, fervido difensore del riavvicinamento tra islamici e cristiani, fu ucciso da una bomba all’ingresso della sua casa insieme all’autista musulmano. «Sono martiri dell’amore – ha detto il portavoce della Conferenza episcopale francese – perché hanno amato fino alla fine, dando la vita per i loro amici algerini. Per noi è un segno che l’amore non è vano e trionferà». «La nostra Chiesa è nella gioia» hanno commentato i vescovi algerini, associando al loro omaggio «le migliaia di persone che non hanno temuto di rischiare la propria vita per fedeltà alla fede in Dio, al loro Paese e alla loro coscienza».

1 Comment

  • Rendo onore ai monaci di Tibhirine del Santuario di Nostra Signora dell’Atlante e alle vittime tutte . Dio ci conceda per la loro testimonianza di fraternità coi fratelli mussulmani, di poter presto giungere ad una reciproca accoglienza e protezione, come da sempre è per la vita del Monastero di Santa Caterina sul Sinai. La ritrovata Unità ci permetta di sconfiggere le tensioni fondamentaliste che ci allontanano dal riscoprirci fratelli in un mondo di Pace per il futuro dei nostri figli.

    • Lascia un commento

      Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *