Benevolenza, misericordia, perdono. Tre caratteristiche dell’amore reciproco che possono aiutarci a impostare i nostri rapporti sociali.

L’unità, donata da Cristo, va sempre ravvivata e tradotta in concreti comportamenti sociali interamente ispirati dall’amore re­ciproco. Da qui le indicazioni su come impostare i nostri rapporti:

Benevolenza: volere il bene dell’altro. È “farsi uno” con lui, accostarlo essendo vuoti completamente di noi stessi, dei nostri interessi, delle nostre idee, dei tanti preconcetti che ci annebbia­no lo sguardo, per addossarci i suoi pesi, le sue necessità, le sue sofferenze, per condividere le sue gioie.

È entrare nel cuore di quanti accostiamo per capire la loro mentalità, la loro cultura, le loro tradizioni e farle, in certo modo, nostre; per capire veramente quello di cui hanno bisogno e saper cogliere quei valori che Dio ha disseminato nel cuore di ogni persona. In una parola: vivere per chi ci sta accanto.

Misericordia: accogliere l’altro così come è, non come vor­remmo che fosse, con un carattere diverso, con le nostre stesse idee politiche, le nostre convinzioni religiose, e senza quei difetti o quei modi di fare che tanto ci urtano. No, occorre dilatare il cuore e renderlo capace di accogliere tutti nella loro diversità, nei loro limiti e miserie.

Perdono: vedere l’altro sempre nuovo. Anche nelle convivenze più belle e serene, in famiglia, a scuola, sul lavoro, non mancano mai momenti di attrito, divergenze, scontri. Si arriva a togliersi la parola, ad evitare di incontrarsi, per non parlare di quando si radica in cuore l’odio vero e proprio verso chi non la pensa come noi. L’impegno forte ed esigente è cercare di vedere ogni giorno il fratello e la sorella come fossero nuovi, nuovissimi, non ricordandoci affatto delle offese ricevute, ma tutto coprendo con l’amore, con un’amnistia completa del nostro cuore, ad imitazio­ne di Dio che perdona e dimentica.

La pace vera poi e l’unità giungono quando benevolenza, misericordia e perdono vengono vissuti non solo da singole per­sone, ma insieme, nella reciprocità.

E come in un caminetto acceso occorre di tanto in tanto scuotere la brace perché la cenere non la copra, così è necessa­rio, di tempo in tempo, ravvivare di proposito l’amore reciproco, ravvivare i rapporti con tutti, perché non siano ricoperti dalla cenere dell’indifferenza, dell’apatia, dell’egoismo.

Questi atteggiamenti domandano di essere tradotti in fatti, in azioni concrete.

Gesù stesso ha dimostrato cos’è l’amore quando ha sanato gli ammalati, quando ha sfamato le folle, quando ha risuscitato i morti, quando ha lavato i piedi ai discepoli. Fatti, fatti: questo è amare.

Chiara Lubich

(Chiara Lubich, in Parole di Vita, Cittá Nuova, 2017, pag. 787)

2 Comments

  • E vero.il.mondo e pieno di certe ricchezze ma quando non hai la pace nello spirito la fede l.amore ed il senso di solidarietà,equivale a non avere nulla. Mio.padre ha sempre detto che nella vita i soldi ci sonoutili ma quello che rende felice la persona è ciò che le appaga l ‘anima.nella vita bisognerebbe sapersi calare nelle situazioni degli altri magari dando.loro il proprio supporto la propria vicinanza aiutare le persone a discernere il.bene dal.male.non e semplice .forse ciò può capitare solo quando si è particolarmente sensibili oppure se si viene d un percorso di grande sofferenza. Io in qualche circostanza particolare della vita mi e capitato di non ssere stata capita specie in momenti i bui della mia vita in particolare con delle persone a mevicine. onestamente, Preferisco perderle anche se fossero delle pupille del.padreterno .la vita e un percorso e quando guidi dovresti avere dei buoni viaggiatori con.te con i quali condividere il viaggio e sentirti a tuo agio.se capisci che questi viaggitorisono troppo diversi da te meglio.lasciar perdere .non e una diversità che arricchisce ma ferisce .quindi ti fa stare peggio e ti accuisce il.dolire che hai. I bacchettoni devono stare per conto loro e cuocersi nel.loro profumatissimo brodo. Perme se lo.possono bere tutto.! La solidarietà deve vincere il.piu possibile. Daniela Gremolini

  • É sempre bom receber meditação de Chiara Lubich. Agora que não temos mais os encontros presenciais, nesses períodos de pandemia, chega num momento que tem nos ajudado na caminhada Ideal e nunca desistir. Reconhecer cada situação com os olhos da fé , alimentando cada dia com o momento da oração e meditação.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.