Amare ci spinge ad uscire fuori da noi stessi, facendo il bene e accostandoci all’altro sconfiggendo l’indifferenza. Sporcarsi le mani, impegnarsi, ci ricorda quanto Dio ci abbia amati per primo e quale sia il sogno che ha riposto nel nostro cuore.

Diciassette quintali di libri
Parlando con amici della crisi in Argentina, abbiamo saputo della grave carenza di testi scolastici nel Pease. Di qui è nata l’idea di una raccolta da far girare tra famiglie di nostra conoscenza. La risposta è stata immediata e generosa. Non sono mancate altre iniziative: inserzioni sui giornali, appelli sulle radio, interventi nelle parrocchie e in diverse associazioni di genitori. Molti si sono impegnati in prima persona anche in altre città. Abbiamo raccolto diciassette quintali di libri di tutti i livelli scolastici da inviare in Argentina via mare. C’è stato anche chi, nel giro di un mese, coinvolgendo altri, ha raccolto altri due quintali di libri e il denaro per il trasporto. In alcuni casi è stato difficile, per mancanza di esperienza, aver presenti tanti particolari importanti (per esempio le scatole adatte per il trasporto, le pratiche doganali ecc…). Ma per tutto si è trovata una soluzione. Abbiamo anche potuto raccontare a molti cosa ci spingeva a fare questa azione: l’ideale di un mondo più unito e solidale.
(S.A. – Spagna)

Insieme nel servizio
Sono infermiera in un centro di servizi sociali. Una coppia disagiata con un bambino di nove mesi si era rivolta a me per ricevere dei servizi. Non avevano neanche i soldi per l’autobus, la moglie si era ferita a una mano e il bambino aveva bisogno di completare le sue vaccinazioni. Non avrei potuto soddisfare le loro richieste a causa di certe procedure molto rigide, ma dentro di me avvertivo la spinta a fare qualcosa per quei prossimi. Dopo aver portato a termine un’emergenza, ho fatto in modo di rispondere a tutte le esigenze della famigliola pur di evitare loro di dover comprare i biglietti dell’autobus per un altro appuntamento. A un certo punto, spontaneamente, un’altra infermiera si è prestata a occuparsi di loro al mio posto: ha curato la mano della signora, a cui ha fornito materiale per altre medicazioni ed ha anche vaccinato il bambino. Era felice di essere stata in grado di aiutarli e lo ero anche io.
(Maina – Canada)

A cura di Maria Grazia Berretta

(tratto da Il Vangelo del Giorno, Città Nuova, anno VIII, n.2, luglio-agosto2022)

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.