I giovani concludono la Settimana Mondo Unito 2013

1°-12 maggio 2013 

United World Project in atto: oltre 700 azioni di fraternità rilevate,
primi risultati dell’osservatorio permanente.

“Il mondo unito comincia da me” dice un giovane francese, a sintetizzare l’esperienza di quest’anno, che li ha visti protagonisti in una miriade di azioni concrete a livello locale. Ad esempio in Nigeria erano 1.000, cristiani e musulmani e di diversi gruppi etnici, che hanno partecipato al primo Genfest nazionale, presenti il governatore dello stato di Anambra e l’Imam della comunità musulmana. Uno dei partecipanti diceva: “Vedendo cristiani e musulmani insieme al Genfest, ho sentito che costruire l’unità non è un sogno ma una realtà”.

La Settimana Mondo Unito ha preso il via il 1° maggio da Gerusalemme, con una diretta mondiale che ha collegato i 250 giovani presenti lì, con migliaia di coetanei in tutto il mondo. Collegamenti “two ways” con Loppiano (FI), dove erano in 3.000, Mumbai e Budapest, con più di un milione di persone raggiunte sulle reti sociali.

Ovunque si è presentato lo United World Project, lanciato coi 12.000 presenti al Genfest di Budapest dello scorso settembre. Attraverso la raccolta firme sul sito www.unitedworldproject.org, migliaia di persone si stanno impegnando a vivere “la Regola d’oro”: “fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te”. Il Progetto, inoltre, ha messo in moto un osservatorio permanente che ha già raccolto oltre 700 schede di “frammenti di fraternità”, cioè, azioni fraterne quotidiane, occasionali o continuate, portate avanti da singoli o gruppi.

Comunicato Stampa

Aggiornato il 15 maggio 2013

LH

Servizio Informazione Focolari – SIF

“Be the bridge”

24 aprile – 2 maggio 2013

A Gerusalemme da tutto il mondo in nome della fraternità

Dal 24 aprile al 2 maggio 2013, centoventi giovani di venti Paesi, in rappresentanza di decine di migliaia di tutto il mondo, vivono a Gerusalemme il momento conclusivo dell’anno del Genfest.
Hanno scelto la Terra Santa, luogo simbolo di contrasti e divisioni ma imprescindibile snodo di un futuro di pace, per “essere ponti” di fraternità.

In programma una serie di eventi accademici e interreligiosi. Particolarmente significativi quello all’Università di Betlemme con il ‘Forum sulla fraternità universale’, l’incontro con Vera Baboun, e a Gerusalemme il simposio interreligioso con la partecipazione del rabbino Ron Kronish, direttore dell’ ICCI.

Ma anche il contatto con la vita quotidiana delle persone del posto, tra cui i membri dei Focolari della regione. Tra le varie azioni di questi giorni una serie di workshop promossi dai complessi musicali Gen Rosso e Gen Verde con i ragazzi delle scuole di alcune città israeliane e palestinesi, che culmineranno in 2 concerti.
Il 1° maggio un flashmob e una marcia per la pace a Gerusalemme, per concludere con un programma in diretta streaming che coinvolgerà i giovani in tutto il mondo. Sono previsti collegamenti in diretta con Loppiano (FI), Mumbai e Budapest.

Prenderà il via da qui la Settimana Mondo Unito, dal 1996 appuntamento annuale dei giovani dei Focolari, punta di iceberg di un impegno concreto nel promuovere l’unità e la pace a ogni livello. “Essere ponti”, dunque, in linea con lo United World Project (Progetto Mondo unito) che proprio al Genfest 2012 ha mosso i primi passi.

Un impegno a tutto campo, che vuole raccogliere l’appello di papa Francesco ai giovani: “non lasciatevi rubare la speranza” ed è una tappa naturale verso la GMG 2013 a Rio di Janeiro.

Comunicato Stampa n°1
Programma

“Be the Bridge” website

“Be the Bridge” 1° maggio 16:30 – 17:10 (ora italiana)

Diretta streaming (canali audio nelle seguenti lingue: italiano, arabo, inglese, spagnolo, francese, portoghese)

Trasmissioni satellitari delle seguenti TVTelepace (diretta – in lingua italiano) – Telelumière (diretta – in lingua araba)

Aggiornato il 29 aprile 2013

UF

Servizio Informazione Focolari – SIF

Dipartita di Oreste Basso, focolarino con Chiara Lubich alla direzione del Movimento

15 aprile 2013

Oreste Basso, focolarino tra i più stretti collaboratori di Chiara Lubich fin dagli anni ‘50, è serenamente spirato all’età di 91 anni la notte del 14 aprile. Aveva ricoperto funzioni di grande responsabilità nella direzione del Movimento dei Focolari. Ordinato sacerdote nel 1981, considerava il ministero come servizio e chiamata ad un amore più grande.

Fu eletto Copresidente del Movimento nel 1996, esercitando un ruolo fondamentale al momento della morte della fondatrice (14 marzo 2008) e durante la successiva Assemblea generale (luglio 2008) che avrebbe eletto colei che doveva succedere a Chiara Lubich nella presidenza, un inedito assoluto per i Focolari.

Attraverso la Segreteria di Stato, Papa Frascesco ha fatto pervenire a Maria Voce, presidente del Movimento, un caloroso messaggio di partecipazione. Anche il Segretario di Stato card. Tarcisio Bertone e il card. Rylko, presidente del Pontificio Consiglio per i laici, hanno inviato messaggi di cordoglio.

Dal mondo intero giungono al Centro dei Focolari numerosissimi messaggi di partecipazione e di profonda gratitudine per l’infaticabile lavoro svolto da Oreste Basso al servizio della Chiesa, nel Movimento, e per la sua vita limpidamente evangelica.  I funerali sono stati celebrati lunedì 15 aprile presso il Centro internazionale del Movimento dei Focolari di Rocca di Papa (Roma).

Comunicato Stampa

Messaggio Papa Francesco

Messaggio del Card. Bertone, Segretario di Stato

Messaggio del Card. Rylko, Presidente del Pontificio Consiglio per i Laici


Aggiornato il 15 aprile 2013

UF

Servizio Informazione Focolari – SIF

Pagina 30 di 49« Prima...1020...2829303132...40...Ultima »