Giovani per un mondo unito
PDF Stampa
 
Espandi +

Sin dagli inizi del Movimento, i giovani vi sono stati presenti e protagonisti, la loro fisionomia specifica inizierà però a delinearsi a partire dal 1967 quando Chiara Lubich, con il motto “Giovani di tutto il mondo unitevi!”, porrà le basi per il costituirsi dei movimenti giovanili: l’anno dopo nascerà il Movimento gen e nel 1985, come irradiazione di questo, i Giovani per un mondo unito *.

A quel richiamo hanno risposto, e continuano a rispondere tutt’ora, giovani di età compresa tra i 17 e 30 anni, sparsi ovunque nei cinque continenti, di diverse etnie, nazionalità e culture.Appartengono a varie denominazioni cristiane, a diverse religioni, oppure non professano un credo religioso, ma tutti sono accomunati dal desiderio di costruire il mondo unito: di rendere l’umanità sempre più una sola famiglia, nel rispetto dell’identità di ciascuno.

Percorrono tutte le vie possibili per costruire la fraternità universale, onde sanare le divisioni esistenti nelle famiglie, fra le generazioni, tra i diversi gruppi sociali…

Espandi +
 
Fatti di vita
 
 
 
 
Articoli
MariTè: l’unità in musica
2 novembre 2013
 
20131030-a
Prima classificata alla sezione voce del concorso La Bella e La Voce 2013 a Sain Vincent, l’artista di origine congolese Ntumba Marie Thérèse Kabutakapua, in arte MariTè, si racconta.
Giovani: una scelta radicale
26 ottobre 2013 |
3
 
20131025-a
La scelta di donarsi a Dio per servire la comunità nella quale è cresciuto e si è formato. La testimonianza di Stefano Isolan, giovane italiano che si prepara al sacerdozio.
Egitto: portare sollievo ai fratelli eritrei, etiopi e sudanesi
24 ottobre 2013 |
1
 
20131024-a
L’impegno a lavorare per l'unità, aspirazione scritta nel cuore dell’uomo, apre piste e genera sollievo a ferite e sofferenze. L’esperienza di un gruppo di giovani egiziani dei Focolari con i profughi dell’Eritrea, dell'Etiopia e del Sudan.
 
«...34567...»