Cronaca dell’incontro a Coimbatore

“E’ un incontro di cuori. Stiamo unendo le mani per costruire un mondo di pace”. 
Con queste parole, Vinu Aram, a nome della Shanti Ashram, ha salutato a Coimbatore, nello stato meridionale indiano del Tamil Nadu, Chiara Lubich, fondatrice del Movimento dei Focolari.

Nel corso di una cerimonia ufficiale svoltasi il 5 gennaio, davanti a un pubblico qualificato di oltre 500 persone, tra cui alcuni anziani compagni di Gandhi, le era stato appena conferito il premio Defender of peace, difensore della pace.
Il Premio è stato istituito da due prestigiose istituzioni induiste gandhiane: lo Shanti Ashram, organizzazione impegnata in campo sociale ed educativo a favore dei più bisognosi, con cui da tempo collabora il Movimento Famiglie Nuove, diramazione dei Focolari, con le adozioni a distanza, ed il movimento Sarvodaya, che si ispira ad una delle idee forza di Gandhi, cioè l’impegno a favore di una vita dignitosa per tutti.  

Si tratta di un riconoscimento riservato a personalità di elevata statura morale, che è stato assegnato finora solo otto volte, ed ha visto premiati, tra gli altri, il rev. Kajitan, discepolo di Gandhi, Homer Jach, primo segretario della Conferenza Mondiale delle Religioni per la Pace, e Madre Teresa di Calcutta.
A Chiara Lubich, come si legge nella motivazione del premio, è stato riconosciuto “il suo ruolo instancabile nel gettare semi di pace e d’amore fra tutti gli uomini. Segno che il messaggio di Gesù Cristo è sempre rilevante, fresco e benefico nei risolvere le questioni contemporanee”.

Caloroso, e in profonda sintonia spirituale, è stato il discorso pronunciato dal presidente della sede di Coimbatore del Bharatiya Vidya Bhavan, istituto culturale e religioso considerato come uno dei punti di riferimento dell’ortodossia indù. Il presidente, Shri Krishnaraj Vanavarayar ha salutato Chiara Lubich come una persona “capace di mostrarci la strada per superare le divisioni e l’odio”. “L’India – ha detto – pur avendo una grande eredità culturale e religiosa, pluralista e tollerante, deve affrontare oggi sfide nuove, problemi sociali accompagnati da tensioni e divisioni, e deve misurarsi con uno sviluppo economico e tecnologico segnato spesso da una mentalità materialista e priva di valori morali”. “Il problema centrale” – ha osservato ancora Vanavarayar – “è come vincere l’odio con l’amore, come trasmettere l’amore ad altri. Chiara ha una forza in lei che ha reso possibile questo sogno, perché ha fatto l’esperienza di Dio”.

A Chiara Lubich è stato chiesto di presentare nel suo discorso di accettazione la propria esperienza spirituale; prima di farlo, ha però voluto sottolineare come il suo desiderio principale, qui in India, fosse quello di ascoltare, di imparare, per aprire un “cordiale dialogo” con persone che vengono da un’antichissima cultura e tradizione religiosa, sensibili al valori spirituali.

Delineando con trasparenza i passaggi fondamentali della propria esperienza del Vangelo, ha fatto spesso riferimento alla tradizione induista, come quando, parlando degli inizi della spiritualità dell’unità che ha la sua fonte nell’amore di Dio, ha citato “un antico inno della religione indù: ‘Dio è il primo ad amarci’, perché fu lui a dare a noi l’amore e in noi lo accresce quando lo cerchiamo”.

Ricordando poi le esperienze di solidarietà e di condivisione con chi era nel bisogno, vissute durante la Seconda guerra mondiale, Chiara Lubich ha osservato come il Signore l’abbia guidata, insieme alle sue prime compagne, “verso il cuore del Vangelo, che è la legge dell’amore”. Ha citato come fondamentale quella “Regola d’oro” che è comune a tutte le religioni. “Fa’ agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te”, e ha ricordato un detto di Gandhi: “Io e te siamo una sola cosa. Non posso ferirti senza fare del male a me stesso”. “Un amore – ha continuato – indirizzato all’amico ma anche al nemico”. 
Da queste esperienze è nata la presenza dei Movimento dei Focolari in tante situazioni di divisione e di lotta, per ricomporre l’unità e far rinascere la speranza e la pace. Così pure l’impegno nel dialogo di amore fraterno, di vita e di preghiera con i fedeli di altre religioni. “Eravamo convinti – ha concluso – che dove c’era una sinagoga, una moschea, un tempio, lì era il nostro posto. Eravamo e siamo convinti di essere chiamati a concorrere a costruire la fraternità universale con tutti loro”.

I giornali in lingua inglese “The Hindu”, il “New Indian Express” e vari quotidiani in lingua tamil hanno dato ampio rilievo all’avvenimento, citando parti del discorso di Chiara e della motivazione del premio.

Il giorno seguente, Chiara Lubich ha voluto consegnare un messaggio anche ai bambini seguiti dallo Shanti Ashram nel loro progetto educativo. In un colorito ed affettuoso incontro con alcune centinaia di loro, svoltosi alla periferia di Coimbatore, dove sorge la sede dello Shanti Ashram, ha chiesto che lascino spazio “alla fiamma di amore che portano nel cuore”, e che siano di esempio anche per i grandi, amando tutti, i buoni come i cattivi. 
   
Nel Tamil Nadu, una regione del sud di antichissima tradizione religiosa, si è aperta dunque una nuova strada di dialogo.
Il Dott. Aram, Senatore a vita e fondatore dello Shanti Ashram di Coimbatore, nella sua veste di Presidente della Conferenza Mondiale delle Religioni per la Pace (WCRP), aveva conosciuto personalmente Chiara in occasione della sessione inaugurale della VI Assemblea Mondiale tenutasi nell’Aula del Sinodo in Vaticano, nel 1994. 
Inoltre il Dott. Aram, che aveva avuto modo di conoscere ed apprezzare la collaborazione del Movimento dei Focolari con la WCRP, aveva atteso e desiderato una visita di Chiara nella sua terra. Tre anni or sono, alla sua improvvisa dipartita, la Signora Minoti Aram e la sua figliola Dott.ssa Vinu Aram hanno proseguito la sua opera e si sono adoperate con ogni mezzo per rendere possibile un viaggio di Chiara nel Tamil Nadu.

Comments are disabled.