Aumenta carattere Diminuisci carattere PDF email Stampa
23 luglio 2013
Giovani delle tre grandi religioni monoteiste costruiscono ponti a Rio de Janeiro.
Settimana della Gioventù, l’ha voluta chiamare Papa Francesco a Roma, a conclusione dell’Angelus di domenica 21 luglio. Inizia così l’atteso incontro dei giovani a Rio de Janeiro, che per tutta la settimana vede susseguirsi momenti di incontro, di festa, di preghiera, in una parola: di vita. I giovani aspettano Francesco, che come loro ha voluto portare la propria borsa sull’aereo. Ma inizia con una programmazione finora inedita nell’organizzazione di questi eventi.

Domenica 21 si è tenuto un “Incontro interreligioso tra cattolici, ebrei e musulmani”. Promosso dal Comitato Organizzatore Locale, il convegno ha visto due centinaia di giovani delegati riuniti alla Pontificia Università Cattolica (PUC) di Rio de Janeiro. “Abbiamo iniziato la GMG puntando al suo centro: possiamo accogliere le differenze”, parole di Josafá Siqueira, rettore della PUC.

(500)Regole