Rinascere con l’amore al prossimo


Siamo chiamati tutti ad operare in noi questa conversione ricominciando continuamente ad amare tutti, se ci fossimo fermati; dobbiamo sperimentare questa specie di ri­nascita, questa pienezza di vita. Occorre cercare perciò, il più possi­bile, di tradurre in amore verso il prossimo tutte le espressioni della nostra esistenza.

Ecco di fronte ai miei occhi la pagina stupenda del giudizio finale: Gesù che verrà per giudicarci e ci dirà: “Ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere”*.

Leggendo quelle parole sono rimasta colpita come fosse la pri­ma volta che le leggevo. Riscoprivo che Gesù, all’esame finale, non mi avrebbe chiesto questa o quell’altra cosa che pure devo fare, ma avrebbe puntato proprio sull’amore al prossimo.

Ho cominciato, come una persona che inizia ora la sua salita a Dio, ad amare tutti, tutti quelli con cui avevo a che fare durante la giornata. E, credetelo, mi sono sentita rinata. Ho avvertito che la mia anima ha soprattutto fame di amore, fame di amare; e che qui, nell’a­more verso tutti, trova veramente il suo respiro, il suo alimento, la sua vita. Il fatto è che anche prima cercavo di compiere tanti atti d’amore, ma – ora me ne rendevo conto – alcuni erano più che altro espressione d’una spiritualità troppo individuale, che si alimenta di piccole o meno piccole penitenze, che, nonostante la nostra buona volontà, possono es­sere occasione per noi, chiamati all’amore, di un certo ripiegamento su noi stessi. Adesso, in questa nuova tensione ad amare tutti, potevo co­gliere ancora tanti atti d’amore, ma tutti finalizzati ai fratelli, nei quali vedevo e amavo Gesù. E solo qui era per me la pienezza della gioia.

Carissimi, siamo chiamati tutti ad operare continuamente in noi questa conversione; dobbiamo tutti sperimentare questa specie di ri­nascita, questa pienezza di vita. Occorre cercare perciò, il più possi­bile, di tradurre in carità verso il prossimo tutte le espressioni della nostra esistenza.

È nostro dovere accudire alla casa? Non facciamolo solo per mo­tivi umani, ma perché c’è Gesù nei fratelli da amare, vestendoli, sfa­mandoli, servendoli. Dobbiamo svolgere qualsiasi altro lavoro? C’è Gesù nei singoli e nelle comunità ai quali portare il nostro contributo. Dobbiamo pregare? Preghiamo sempre per la nostra persona come per le altre, usando quel “noi” che Gesù ci ha insegnato nel “Padre nostro”. Siamo chiamati a soffrire? Offriamo il nostro dolore per i fratelli. È volontà di Dio trattare con qualcuno? Sempre ci sia l’inten­zione di ascoltare Lui, di consigliare Lui, di istruire Lui, di consolare Lui… in una parola: di amare Lui. Dobbiamo riposare, mangiare, svagarci? Diamo a tutte queste azioni l’intenzione di volere, con questi atti, riprendere le forze per servire meglio il fratello.

Facciamo ogni cosa, insomma, in vista del prossimo.

Per questo, anzi perché avvenga in noi tale riconversione, tenia­mo in mente nei prossimi […] giorni l’impegno: “Rinascere con l’amore»”

Chiara Lubich

*Mt 25, 35.

(in una conferenza telefonica, Rocca di Papa 20 marzo 1986)

Tratto da: Chiara Lubich, Conversazioni in collegamento telefonico, Città Nuova Ed., 2019, pag. 235.

1 Comment

  • Grazie di cuore per proporci questo meraviglioso brano!!!! E proprio quello di cui abbiamo bisogno in questo periodo di conclusione, in cui sembra le forze diminuiscano: rinascere con l’amore, rinascere alla vita che inizia quaggiù e non avrà fine!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *